Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Foto di copertina Emanuele Scilleri
Attualità

La veglia funebre di Como arriva sulla Bbc. Nathan: “Ogni tre giorni cambiano le regole, ci sentiamo completamente soli”

La grande manifestazione organizzata martedì 27 ottobre in piazza Verdi, con la partecipazione di centinaia di persone tra gestori di attività, partite Iva e sostenitori, ha avuto un riscontro mondiale.

VIDEODIRETTA RondiZero – Centinaia di esercenti protestano in piazza Verdi: “Non paghiamo tasse e scadenze”

La “veglia funebre” contro il nuovo Dpcm firmato dal premier Conte era stata organizzata tra gli altri da Nathan Martignoni, del ristorante Una finestra sul lago di Carate Urio, che è il giorno successivo è stato intervistato da nientemeno che la Bbc World all’interno del programma radio Bbc Os (qui la puntata integrale andata in onda mercoledì 28 alle 17, intervista dal minuto 47)

Tema le varie proteste che si stanno sviluppando in queste settimane nei vari paesi europei. E, tra tutte, Nathan è stato scelto per testimoniare quanto sta accadendo in Italia.

“Ora chiudono tutto alle 18 – ha detto Nathan alla Bbc – i ristoranti possono lavorare a pranzo ma non a cena. Il problema è che un locale ha molti costi, dipendenti e il tutto viene organizzato basandosi sui due servizi della giornata. Se ci dicono di stare aperti solo metà giornata, abbiamo bisogno di aiuti. Nel primo lockdown ci hanno chiusi per 3 mesi e il Governo ci ha dato la cassa integrazione, con i soldi arrivati con 6 mesi di ritardo.”

Il problema economico, ha sottolineato Nathan, non riguarda solo i ristoranti ma anche tutte le altre attività italiane.

“Non è solo una difficoltà dei ristoranti ma anche di hotel e negozi – ha affermato – vogliamo solo capire come sarà nei prossimi mesi, ogni tre giorni cambiano le regole con i vari Dpcm. I proprietari delle varie attività hanno investito molto per seguire tutte le regole e mettersi a norma, tra mascherine e igienizzazione dei locali, abbiamo fatto tutti questi investimenti e ora ci dicono di chiudere. Perchè a pranzo le regole vanno bene ma a cena no?”.

E ha concluso: “Magari il mio locale sopravvivrà ma il problema è per tutti, non so quanto durerà questa situazione, nessuno lo sa. Ci sentiamo completamente soli”.

La veglia funebre a Como, si svela Nathan: “Le aziende rischiano di morire”. E’ c’è anche Equipe Ornella

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: