Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

L’addio a Ines Figini. Landriscina: “Grazie a una grande donna”. Cgil: “Non la dimenticheremo”

La scomparsa, ieri, di Ines Figini ha suscitato emozione e commozione in città. Anche il sindaco di Como, Mario Landriscina, e la Cgil hanno voluto ricordare la sua figura.

Addio meravigliosa Ines Figini, comasca sopravvissuta a Auschwitz. Raccontò: “Ho visto i bambini andare a morire”

Di seguito la nota del primo cittadino.

Esprimo il cordoglio mio, dell’Amministrazione comunale e di tutta la città per la scomparsa di Ines Figini, nostra stimata concittadina e testimone instancabile della tragedia dei lager nazisti.

Nel 1944, a soli 22 anni, dopo aver partecipato allo sciopero della Tintoria Comense dove lavorava, fu deportata a Mauthausen, poi a Birkenau e infine a Ravensbrück dove fu liberata.

Già insignita dell’Abbondino d’Oro nel 2004, ha dedicato il resto della vita al racconto critico dell’esperienza che ha segnato la sua esistenza e quella di altri milioni di persone, tra vittime e sopravvissuti all’Olocausto. Ha scelto in particolare di andare nelle scuole, di incontrare i giovani, di partecipare a incontri pubblici, scrivere e rappresentare con diverse modalità e approcci una delle più gravi degenerazioni della storia, con il vivo desiderio di educarci a guardare il dolore nella sua forma estrema per renderci cittadini consapevoli e convinti del valore supremo della vita umana al di là di ogni appartenenza.

Oggi vogliamo ricordare con gratitudine questa donna che ha dimostrato sempre grande coraggio e concreta coerenza con le sue idee, una serena lucidità nonostante le grandi sofferenze provate e disponibilità ad un costruttivo confronto.

Ci stringiamo a quanti l’hanno amata, stimata, e presa ad esempio con l’auspicio che i suoi insegnamenti rimangano indimenticati a tutela della nostra libertà.

Come accennato anche la Cgil ha espresso parole di sentito cordoglio.

La sua testimonianza è stata ed è fondamentale per la Cgil, per tutto il territorio e per le giovani generazioni – dichiara Umberto Colombo, segretario generale della Cgil di Como – Il suo esempio in vita deve restare valido, anche e soprattutto a Como, dove purtroppo, in un passato recente, si sono verificati episodi di recrudescenze fasciste.

La storia di Ines, operaia della Ticosa, deportata per gli scioperi contro l’occupazione nazifascista e sopravvissuta ai campi di concentramento, ci dice che occorre portare avanti, con costanza, una battaglia culturale sui temi dell’antifascismo e nella diffusione della solidarietà.

Dal canto nostro, quest’insegnamento non lo dimenticheremo mai e continueremo a metterlo in pratica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: