Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

L’idrovora a bagno, le barriere che galleggiano, la piazza allagata: foto da una Caporetto

Le immagini che ritraggono la situazione di piazza Cavour attorno alle 10.30 di oggi, 5 ottobre, danno la sensazione della “Caporetto” per il sistema di protezioni collocate davanti al lago e per la gigantesca idrovora collocata ieri per pompare via l’acqua.

Una situazione forse provocata da due fattori concomitanti – l’ulteriore innalzamento del lago fino a quota 160 nella notte e le onde innescate da due battelli di primo mattino – che alla fine hanno vanificato in larghissima parte l’enorme lavoro messo in campo dalla Protezione Civile e dal Comune di Como, che pure fino a ieri aveva prodotto ottimi risultati.

L’esito di questa mattina, però, lo si vede dalle foto: piazza Cavour allagata, le barriere rosse galleggianti sull’acqua che avrebbero dovuto contenere, l’idrovora malinconicamente a bagno, anche se la sua azione servirà comunque nelle prossime ore per lo svuotamento della zona (meteo permettendo, naturalmente, ma le previsioni sembrano concedere un filo di ottimismo).

Intanto, sul fronte del traffico, la situazione resta pesante ma decisamene meno rispetto all’ora di punta delle 8.30, quando la circolazione tra Lariana e centro cittadino era andata letteralmente in tilt.

TAG ARTICOLO:

5 Commenti

  1. Poche ore dopo, tutto ripristinato. Piazza Cavour ripulita.

    L’ errore, è stato quello di far arrivare e partire i battelli passando all’interno del porto. Se li avessero fermati a S. Agostino, il vecchio molo in sasso avrebbe trattenuto l’espandersi delle onde che ha fatto collassare il sistema di protezione.
    Poi riattivato.

  2. Mi domando se i tecnici che hanno consigliato la mega idrovora e le barriere di gomma hanno fatto un corso specifico o è tutto frutto del loro ingegno?
    Chi paga i danni ora poiché amplificati dal cedimento della geniale barriera tra l’altro sicuramente COSTOSISSIMA??
    Ma diamine paga Pantalone comascone.

  3. Dispiaciuta per la manovalanza degli uomini della protezione civile che hanno messo il cuore…per il resto siamo a Como……invece che perdere tempo a guardare le barriere sarebbe bene attuare un piano traffico alternativo il più velocemente possibile…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: