Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Lombardia a rischio zona gialla, ma con l’obbligo mascherina all’aperto non ci sono cambiamenti

Contagi in continua crescita in tutta Italia sul fronte covid. E la Lombardia non è da meno, anzi. Nove regioni hanno già superato, o stanno per superare, la soglia critica sul fronte ricoveri tra reparti e Intensive. Sette sono già gialle (Veneto, province autonome di Bolzano e Trento, Marche, Liguria, Friuli Venezia Giulia, Calabria) due (Lazio e Piemonte) hanno i numeri per il cambio e poi ci sono Lombardia e Sicilia ormai a un passo.

Se l’andamento di questi giorni certificherà le tendenze le ultime quattro regioni elencate diranno addio alla zona bianca dal 3 gennaio. La Lombardia vede oggi 746 casi settimanali ogni 100mila abitanti così come una crescita dei ricoveri. Va detto che i 2mila nuovi posti letto aperti negli ultimi giorni per i casii covid hanno permesso di abbassare la percentuale di ospedalizzazioni (oggi i letti a disposizione sono 10.457).

Un cambio di colore ma non di disposizioni poiché con l’obbligo di mascherina all’aperto deciso dal giorno di Natale non c’è più alcuna distinzione fra le due zone. In ogni caso è un avvicinamento, sia pure a distanza, alla zona arancione dove la stretta sui comportamenti è molto più netta e di fatto consente una vita quotidiana ‘normale’ solo a chi ha il super green pass.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo