Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Da oggi Como e la Lombardia sono in zona gialla: le norme in vigore e quelle in arrivo

Da oggi, lunedì 3 gennaio, la Lombardia è in zona gialla.

Le ragioni sono già state spiegate dal presidente della Regione Attilio Fontana: “I dati del monitoraggio settimanale della cabina di regia di ministero della Salute e Iss confermano il superamento dei parametri da zona bianca, pertanto da lunedì prossimo la Lombardia passerà in zona gialla. Non ci sono variazioni sulle misure da rispettare da parte dei cittadini, perché l’utilizzo della mascherina all’aperto è già prevista per tutte le fasce, compresa quella bianca”.

Il cambio di colore scattato oggi, comunque, non muta le disposizioni da seguire per i cittadini poiché con l’obbligo di mascherina all’aperto deciso dal giorno di Natale non c’è più alcuna distinzione fra la zona gialla e la precedente zona bianca.

Il decreto prevede anche l’obbligo di mascherine Ffp2 fino alla fine dell’emergenza (al momento il termine è il 31 marzo 2022) in alcuni luoghi: su tutti i mezzi di trasporto pubblici, per spettacoli aperti al pubblico all’aperto e al chiuso in teatri, sale da concerto, cinema, locali di intrattenimento e musica dal vivo e per eventi e competizioni sportive al chiuso o all’aperto.

Inoltre, le ultime norme che valgono ovunque, indipendentemente dal colore delle Regioni, sono quelle introdotte dal governo col decreto varato il 29 dicembre ed entrato in vigore dal 31 dicembre. Tra queste, la riduzione della capienza degli impianti sportivi e “ricreativi” sia all’aperto sia al chiuso: nel primo caso gli impianti potranno essere riempiti al massimo al 50 per cento della capienza, nel secondo al 35 per cento.

Dal 10 gennaio servirà il super green pass anche per alberghi e strutture ricettive, feste dopo cerimonie civili o religiose, sagre e fiere, centri congressi, servizi di ristorazione all’aperto, impianti di risalita con finalità turistico-commerciale anche se ubicati in comprensori sciistici, piscine, centri natatori, sport di squadra e centri benessere anche all’aperto e nei centri culturali, sociali e ricreativi per le attività all’aperto.

QUI TUTTE LE NORME PER LE QUARANTENE

 

TAG ARTICOLO:

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo