Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

L’Us Tavernola ha inaugurato il nuovo campo. Zampieri: “Merito di una comunità unita”. Rapinese: “Eccezionale, sono qui per imparare”

Con una grande festa di quartiere, lo scorso fine settimana l’Us Tavernola ha inaugurato ufficialmente il nuovo campo in sintetico e due campi da beach volley, primo importantissimo step di un percorso di sistemazione dell’intero centro sportivo a cui ha contribuito l’intera comunità, con una raccolta fondi chiusa a tempo di record (abbiamo raccontato nel tempo la storia di questo campo).

“Quella che abbiamo davanti questa sera è la risposta di un’intera comunità all’esigenza di un territorio, una risposta decisamente oltre ogni aspettativa ed è quindi a voi tutti che dobbiamo dire grazie per aver dato lustro finalmente alla nostra casa e a quella che vogliamo sia sempre di più la casa del quartiere – sono state le parole del presidente dell’ Us Tavernola Daniels Zampieri – quando a fine 2017 abbiamo partecipato al bando di riassegnazione del centro sportivo, abbiamo inserito nel progetto la volontà di intitolarlo a Giacomo Leoni, Geky per tutta Tavernola. Per fare questo abbiamo lavorato affinché la struttura avesse un aspetto degno di questo nome e forse ci siamo già riusciti, ma non ci fermeremo qui. Per questo sono contento di avere qui il nostro sindaco, che è il padrone di casa, che spero e penso sia orgoglioso di vedere una propria struttura portata avanti con impegno e dedizione e che questa sera ha finalmente modo di vederci in campo affinché, come un buon allenatore, possa guidarci da fuori campo perché per noi questo è solo il calcio d’inizio”.

“Sono qui questa stasera più che altro ad imparare come si fa, perché quello che sta succedendo qui è qualcosa di eccezionale, è una comunità forte, coesa, unita, con dei valori, che è arrivata a raggiungere un traguardo – è stato il commento del sindaco Alessandro Rapinese – di solito i politici vanno in giro per la città a dire quanto sono bravi, ma questa sera io sono qui a dire quanto ho da imparare e quanto atteggiamenti così siano un modello per la comunità tutta: dove il Comune spesso non manutiene come dovrebbe e non onora le responsabilità che ha, Tavernola ha dimostrato che volere è potere, contro tutto, per raggiungere l’obiettivo di coinvolgere più ragazzi, tenerli lontani dalla strada e dalla droga. Io sono sindaco da pochissimo, sto girando la città e vedo che, dove non arriva la politica, ci sono un sacco di comaschi perbene che si sostituiscono e fanno cose egregie. Grazie per avermi fatto capire come si fa”.

I campi nuovi, però, sono solo uno dei tasselli che compongono l’idea di sport portata avanti dall’Us Tavernola che, attraverso il Progetto Giusto (acronimo di Giovani Ingaggiati Unione Sportiva Tavernola e Oratorio), dal 2020 coinvolge i ragazzi collaborando attivamente con le altre realtà del quartiere: “Dal 2020 abbiamo capito che la crescita doveva riguardare la parte sportiva ma anche la parte sociale del quartiere e per far questo dovevamo unire le forze, proprio come se fossimo una squadra – ha spiegato il vicepresidente Massimo Migliaccio – per questo nasce il Progetto Giusto che oggi ci regala un po’ di ottimismo verso il futuro con questi magnifici ragazzi che, anche se inizialmente ci chiedono aiuto per crescere in un ambiente a loro confacente, poi ci motivano a dare sempre di più”.

“Solo grazie a voi siamo riusciti ad arrivare a questo risultato – sono state le parole del consigliere e responsabile amministrativo Matteo Butti rivolto ai presenti prima di citare tutte le realtà che hanno contribuito a sostenere il progetto – ringraziamo la scuola, l’Associazione Genitori, l’associazione Sorriso di Gecky e i nostri partner della zona come Mc Donald di Tavernola, la ditta Almar che si è occupata dell’illuminazione (con applauso molto fair play del sindaco, visto che si tratta della ditta di proprietà del suo ex consigliere della lista Raipinese Sindaco Paolo Martinelli Ndr), Riva Imbiancature, Manutenclean, Loris Moto, Rossini Autonoleggio, AutoVittani e la Farmacia di Tavernola”.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo