Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Nuova follia vaccini. Como, rabbia di Priscilla: “Mio padre convocato questa sera per domattina alle 8. A Milano”

Esattamente quanto denunciato ieri sera dal sindaco di Olgiate Comasco, Simone Moretti.

Cittadini chiamati per il vaccino sì. Ma a Milano.

Incredibile a Olgiate, il sindaco Moretti: “Vaccino covid, la Regione convoca nostri cittadini a Milano. Non andate”

La stessa identica cosa è accaduta poco fa a Priscilla Cavadini, residente a Como e in attesa della chiamata al vaccino per suo papà, 80enne.

Priscilla segnala la cosa su Facebook, taggando anche ComoZero:

Vi chiedo gentilmente di spiegarmi come pensiate che sia possibile chiamare alle 20,30 di stasera per la vaccinazione anti Covid, un over 80 del comune di Como con problemi di salute, comunicandogli l’appuntamento per domani mattina alle 8,36 al Niguarda.
Ci vuole fantasia ed un pizzico di magia.

La chiamiamo e racconta con dovizia di particolari: “Ho registrato mio padre, nato nel ’41, il primo giorno in cui hanno aperto le prenotazioni per il vaccino. Quel giorno ho dato il numero fisso di casa poiché il cellulare non prendeva. Poi è scoppiato il caos prenotazioni e, per scrupolo, ho registrato nuovamente papà con procedura andata a buon fine”.

Quindi questa sera: “Alle 20.30 ricevo una chiamata sul cellulare, segno che la prima prenotazione nemmeno è stata considerata e mi chiedo come faranno altri. La signora del call center non solo mi dice che il vaccino è prenotato per domattina alle 8.36 ma mi dice il nome di una via che non conosco. Chiedo chiarimenti è viene fuori che è l’ospedale Niguarda di Milano”.

Priscila esita, stupita chiede ancora lumi ma: “La signora, una volta che sollevo qualche dubbio riesce addirittura a chiedermi: ‘Perché Como è lontana da Milano?”.

Parentesi surreali a parte il disagio è evidente: “Non solo ha 80 anni ma ha problemi di movimento e alla schiena, dieci giorni fa è finito due volte in Pronto Soccorso per altre complicazioni. Un conto è che lo vaccinino al Sant’anna. ma perché devo portare un uomo anziano e in difficoltà fino a MIlano? Aggiungo: è normale chiamare la sera prima per la mattina dopo?”.

Chiudiamo tornando a Olgiate. Sindaco e Asst, fortunatamente, sono intervenuti. Como farà lo stesso?

Vaccini a Milano per gli olgiatesi: Asst e il sindaco evitano l’assurdità. Moretti: “Scrivete a me”

TAG ARTICOLO:

5 Commenti

  1. Ad essere azzerati dovrebbero essere i vertici di Regione Lombardia… Ma come si può solo pensarla, una cosa del genere?

  2. Andrea probabilmente il Suo è un caso omonimia… Bisognerebbe verificare bene… Ma comunque questi stanno facendo solo dei gran pasticci….

    1. Sicuramente. Ma mi chiedo, il codice fiscale che è univoco, certificato, personalizzato e abbinato a ogni singola persona residente in Itlia non potrebbe essere usato come codice di riferimento per tutto. Non stanno facendo solo pasticci, non hanno idea. E’ la dimostrazione che l’efficiente Lombardia in questi trent’anni ha replicato l’inefficienza delle strutture statali, superandole in quanto a burocratizzazione e sprechi. Dopo trent’anni di governo dei “sempre i soliti” non ci si poteva aspettare altro.

  3. Ho 55 anni non faccio parte del personale sanitario né scolastico non ho patologie. Oggi sono stato chiamato dal s.anna per fare il vaccino. Ho chiesto come mai, ma l’addetta mi ha risposto che lei aveva una lista e non sapeva altro. I miei genitori ultraottantenni sono ancora in attesa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo