Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Porto di Sant’Agostino, Acquistapace (Csu) garantisce: “Cantiere chiuso al 30 giugno o provvedimenti”

Il presidente di Como Servizi Urbani ci mette la faccia e garantisce: i lavori sul porto di Sant’Agostino procedono regolarmente e non è previsto alcun ritardo, come invece qui e là tra social e bar qualche voce ha ipotizzato.

“Attualmente le informazioni in nostro possesso prevedono la chiusura del cantiere confermata al 30 giugno – afferma Renato Acquistapace presidente di Csu – Nessuno ha formalizzato ritardi nonostante le richieste in merito. Lunedì abbiamo convocato ufficialmente la direzione lavori e l’impresa”.

“Stiamo facendo tutto ciò che è in nostro potere per tenere la situazione monitorata con continui sopralluoghi e sollecitazioni ma non possiamo agire operativamente in nessun altro modo, tenuto conto che da un lato c’è stata una gara pubblica con un regolare vincitore e che dall’altro i termini per la consegna dei lavori non sono formalmente scaduti. Se ci saranno dei ritardi e l’apertura del porto dovesse andare oltre la fine di giugno, Csu valuterà tutte le azioni possibili a tutela dei propri interessi, di quelli dei propri clienti e del Comune”, ha aggiunto Acquistapace.

VIDEO Ecco come sarà il nuovo porto di Sant’Agostino: i lavori di Csu

Ribadendo che, nel caso, “Csu renderà note tempestivamente eventuali problematiche”, la società ha fissato il calendario di avanzamento lavori.

Le prossime operazioni che dovranno essere eseguite: la realizzazione, dove è stato effettuato lo scavo, di uno scivolo in cemento armato per l’accesso ai nuovi pontili mediante una passerella; l’applicazione delle travi sulla parete del molo sulle quali scorrerà il pontile; la sistemazione del parapetto della passeggiata sul molo con riempimento dello stesso in corrispondenza dello spazio dove erano presenti le scalette che sono state eliminate. Tempo stimato: circa 15 giorni lavorativi.

Le lavorazioni per l’installazione del pontile galleggiante dovrebbero durare una settimana dal momento della consegna delle strutture per le quali l’impresa ha stipulato un contratto direttamente con l’azienda fornitrice.

La gara pubblicata il 26 maggio 2020 si è conclusa il 14 gennaio 2021 con l’aggiudicazione definitiva, il 18 marzo è stato firmato il contratto con l’impresa, il 7 aprile le barche sono state rimosse dal porto, il 14 aprile si sono concluse le attività di pulizia del fondale, il 20 aprile il cantiere è stato consegnato all’impresa, la chiusura era fissata 60 giorni dopo ovvero il 20 giugno.

Il maltempo di fine aprile ha fatto slittare il via ai lavori di una decina di giorni, un fermo cantiere concesso all’impresa con una nuova data per la chiusura passata dal 20 al 30 giugno. L’unico vero contrattempo, che ha portato ad un minimo ritardo e che non era prevedibile, deriva dal fatto che lo scavo ha rilevato la presenza di sabbia sotto la struttura della scalinata al posto della roccia che ci si aspettava, per cui è stato necessario fare ulteriori indagini geologiche per il ricalcolo dei cementi armati e per l’individuazione della tecnica costruttiva che garantisca la tenuta nel tempo della struttura.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo