Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Rivoluzione turismo, a Como la prima prenotazione Nft italiana: al Rudere di Faggeto. Come funziona

Parte dal Lago di Como la prima sperimentazione delle prenotazioni alberghiere tramite la tecnologia Nft.

I “non fungible token” rappresentano un certificato di proprietà su opere digitali e sono sempre più spesso utilizzati come strumenti per acquistare e rivendere nel web, a partire dalle opere d’arte ma non solo. Vengono creati e validati grazie alla tecnologia blockchain, dunque presentano un elevatissimo grado di sicurezza.

Dopo il primo esperimento al mondo di prenotazione tramite Nft per una villa di Ibiza, Trips Community – la comunità che racchiude tutto ciò che riguarda il mondo delle tecnologie collegate anche alle casa vacanza – ha scelto di coinvolgere Rent All Como per procedere con il secondo esperimento (il primo a livello italiano) nel Rudere (Writer’s Nest) di Faggeto Lario.

“L’Nft consente di avere un certificato di proprietà per qualsiasi opera digitale – spiega Simone Majeli, di Rent All Como – per renderla unica. Questo può valere anche per una prenotazione, infatti abbiamo voluto condividere questo progetto di Luca De Giglio che è il fondatore di Trips Community ed è un guru di queste tecnologie”.

L’esperimento applicato al mondo del vacation rental consiste dunque nel rendere unica la propria prenotazione per un soggiorno di cinque notti presso il Rudere dello Scrittore. L’Nft si può acquistare per il periodo dal 1 giugno al 30 settembre 2021 e presenta numerosi vantaggi per chi sceglie di fare un’offerta.

“Questo certificato può essere rivenduto più volte – sottolinea Majeli – chi lo acquista ma poi per qualsiasi motivo non può o non vuole più soggiornare nel periodo scelto, può rivendere il certificato Nft a un altro utente anche a un prezzo più alto. Dunque non perde la caparra, ma anzi ci può guadagnare anche perché l’acquisto iniziale è scontato del 17% rispetto al prezzo pieno. Inoltre, il turista non prenota più le sue vacanze sulle classiche piattaforme ma compra l’Nft e lo gestisce senza intermediari”.

Chi ha in mano l’Nft per un soggiorno in un determinato periodo, riassumendo, possiede il diritto di poter soggiornare in quella struttura per quel periodo ma anche di rivenderlo a un’altra persona.

“In futuro, le piattaforme potrebbero quindi non esistere più e la prenotazione sarà diretta – conclude Majeli – Abbiamo scelto di fare il primo esperimento italiano sul Lago di Como, specialmente nel Rudere di Faggeto, perché parliamo di una tecnologia estrema mentre il rudere è un luogo dove la tecnologia non c’entra molto. Si crea quindi una bella dicotomia: un luogo ameno messo sul piatto con questa nuova tecnologia. E’ un modo indiretto per far conoscere il Lago di Como, intercettando anche altri mercati”.

Chi fosse interessato trova tutte le informazioni a questo link.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo