Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

San Francesco, situazione igienica al limite: le persone dormono tra cumuli di rifiuti

La situazione senzatetto tra l’ex chiesa di San Francesco e i portici del Crocifisso di viale Varese sta peggiorando, non tanto per il numero di persone presenti quanto per le condizioni di estremo rischio igienico.

Di giorno in particolare, quando il servizio di ristoro notturno Emergenza Freddo (diviso nelle due strutture di San Rocco e Borgovico) chiude i battenti.

E anche di notte poiché alcuni senzatetto preferiscono rimanere in strada.

La situazione oggi, sabato 12 dicembre, è peggio del solito. Tra i colonnati alcune persone dormono a fianco di cumuli di rifiuti, la situazione igienica generale sia all’occhio che all’olfatto segnala di essere arrivata ben oltre quanto umanamente accettabile, sia per i senzatetto che rischiano seriamente la salute, sia per i residenti della zona che da anni chiedono legittimamente decoro e sicurezza.

Pochi giorni fa Comune, Croce Rossa e volontari sono intervenuti riuscendo a convincere otto persone ad accedere a Emergenza Freddo.

Video – San Francesco, intervento di Comune, Croce Rossa e volontari: otto senzatetto scelgono Emergenza Freddo

Questione solo parzialmente risolta poiché, si diceva, alcuni continuano a preferire il porticato e di giorno non vi sono spazi dedicati ai senza dimora.

GALLERY-SFOGLIA

Al Crocifisso di viale Varese stesso quadro. La situazione igienica sembra meno preoccupante.

GALLERY-SFOGLIA

Comunque la si veda, la si voglia o non si voglia trattare si pone un tema reale, per tutti, che riguarda la salute delle persone. E par necessario, con tutte le cautele del caso su ogni fronte nel pieno rispetto degli individui, che si effettui un intervento (magari senza strappare le coperte) di pulizia e sanificazione.

 

 

Un commento

  1. Ma il comune non si interessa di portare anche i senzatetto del Crocifisso al dormitorio? Solo chi dorme su un terreno pubblico rischia l’ assideramento? Poi secondo me, se ci sono i posti in dormitorio, io non ne farei una questione di scelta. Tutti dovrebbero essere costretti ad andarci.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo