Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Tale figlio. Giacomo Annoni debutta nello spot con papà Steve, che scherza: “Sfruttamento minorile contro la crisi”

“Mio papà più che un pasticcere è un pasticcione”. E fu così che Giacomo, 10 anni, con una battuta, in 15 secondi oscurò suo papà, l’attore comasco Stefano “Steve” Annoni.

Uno che ha studiato alla Paolo Grassi e ha recitato sul palco con attrici del calibro di Angela Finocchiaro e Maria Amelia Monti, che è stato diretto da Patrice Chereau e Cristina Comencini, mica il primo che passa. E invece…

“Invece è arrivato il momento anche per Giacomo di spiegarmi come si recita”, è il suo commento divertito (o rassegnato?).

Luogo del delitto: l’ultimo spot del mascarpone del notissimo marchio Santa Lucia Galbani, in cui i protagonisti sono padre e figlio alle prese con la preparazione di un dolce.

“Ho già lavorato per molti spot, alcuni anche quasi teatrali – racconta Stefano – mentre per Giacomo questo è stato un debutto. Non ho mai pensato di proporlo per qualche ruolo in passato perché penso che, se vorrà recitare, debba essere lui a decidere cosa fare quando sarà un po’ più grande”.

E allora, cosa sarà successo per fargli cambiare idea? “Visti i tempi che corrono, noi attori dobbiamo inventaci delle strategie di sopravvivenza – dice – e io ho pensato che lo sfruttamento minorile potesse essere una buona soluzione (Ride). No, a parte gli scherzi, il mio agente mi ha proposto questo lavoro per il quale, viste le difficoltà di fare provini di questi tempi, cercavano attori che avessero figli in modo da coprire entrambi i ruoli. Così l’ho proposto a Giacomo ed eccoci qui. Diciamo che per un giorno ha accompagnato il papà al lavoro”.

Ed è lì che si è consumata la tragedia perché il piccolo Annoni si è dimostrato molto più che all’altezza del ruolo, con buona pace del papà che comincia a veder vacillare il primato in famiglia: “Giacomo è simpaticissimo, il gioppino della classe – racconta Stefano – ma sul set si è trasformato in un cecchino serissimo. Al punto che a un certo punto ha persino sgridato la troupe perché gli davano il segnale di ‘azione’ in modo sbagliato. Si è divertito, ma è stato anche molto professionale”.

Piccoli attori crescono, insomma: “Calma calma, io spero che, se vorrà fare l’attore, prima sposi una ragazza ricca o che almeno prima si laurei in qualcosa se no sarà dura – taglia corto ridendo – nel frattempo io posso ancora giocarmi la carta di mia figlia maggiore e del piccolino. In pratica continuo a produrre figli per sopravvivere”.

E se volete vedere in scena Stefano Annoni (senza Giacomo, però) e aspettare la mezzanotte senza rimpiangere i fuochi d’artificio e il veglione in compagnia, l’appuntamento è per il 31 dicembre alle 21.30 con “Fuoco ai limoni! Rotta per il nuovo anno con gli Jaga Pirates”. L’evento, organizzato dal Centro Culturale Asteria Milano e dalla Compagnia del Cipresso è gratuito e sarà online su vimeo.com.

Anzi, visti i tempi gli auguro che sposi una donna molto ricca, se vuole fare questo mestiere – dice ridendo – oppure che prima si laurei in qualcosa e poi si vedrà”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo