Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Nel pieno del caso “tigli del lungolago”, il Comune lancia la Consulta per l’ambiente. Come candidarsi

Mentre è ancora apertissima la questione dell’abbattimento dei tigli storici sul lungolago di Como, per far spazio al nuovo lungolago legato al cantiere paratie, Palazzo Cernezzi lancia ufficialmente la costituzione della Consulta permanente in campo ambientale.

QUI LA PETIZIONE SU CHANGE.ORG

Si tratta di un organismo consultivo e propositivo “delle azioni programmatiche, progettuali e di indirizzo dell’Amministrazione comunale in campo ambientale. È sede di confronto e di scambio di informazioni fra soggetti che hanno le comuni finalità di tutela e di sostenibilità ambientale”.

Non solo: “La Consulta si occupa di studiare, approfondire e presentare proposte su tutela e valorizzazione delle risorse naturali, salvaguardia della biodiversità, promozione, informazioni ed educazione relative all’ambiente e alle modificazioni climatiche, mobilità sostenibile, difesa del territorio, qualità dell’aria, qualità dell’acqua e risparmio idrico, inquinamento acustico, valorizzazione delle fonti normative e del risparmio energetico, gestione rifiuti al fine di ampliare e arricchire l’informazione sullo stato dell’ambiente nel territorio comunale, miglioramento dell’utilizzo del territorio, salvaguardia dell’ambiente e delle risorse naturali, promozione di uno sviluppo sostenibile, promozione del benessere della comunità”.

Leggendola così, la sede idale per affrontare – sebbene senza la possibilità di esprimere pareri vincolanti – anche (ma ovviamente non soltanto) la questione dei tigli sul lungolago.

Requisiti per partecipare alla Consulta
Possono formulare richiesta di partecipazione alla Consulta stessa gli Enti e le Associazioni operanti in campo ambientale nel territorio comunale che abbiano le finalità stabilite. La domanda di partecipazione pervenuta al Comune verrà valutata dalla Giunta che con propria deliberazione riconoscerà l’idoneità e il diritto del soggetto richiedente di essere membro.

Nella richiesta deve essere indicato il nome del rappresentante dell’Ente o dell’Associazione; tale soggetto potrà rappresentare solo l’Ente o l’Associazione che lo ha designato.

Qualora interessate a partecipare alla Consulta, anche le Associazioni già iscritte nell’Albo delle Associazioni del Comune di Como dovranno presentare domanda, per verificare la permanenza dei necessari requisiti.

Contenuti dell’istanza

La candidatura avviene su istanza dell’Ente/Associazione richiedente attraverso il modulo allegato al presente avviso.

In allegato all’istanza dovranno essere prodotti:
a) Statuto dell’Ente/Associazione;
b) relazione autocertificata sull’attività svolta e in corso di svolgimento nell’ambito di riferimento;
c) informativa privacy datata e sottoscritta;
d) copia di un documento di identità del richiedente in corso di validità.

Modalità di presentazione dell’istanza
L’istanza dovrà essere presentata esclusivamente attraverso la compilazione dell’apposito modulo di domanda, firmato digitalmente e inviato via PEC a comune.como@comune.pec.como.it, specificando nell’oggetto “Richiesta di partecipazione alla Consulta permanente in campo ambientale”.

Il termine perentorio per l’invio della domanda è stabilito nelle ore 12.00 del giorno 1°ottobre 2021.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo