Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Variante Tremezzina, denuncia da Plesio. L’Ad di Chiarella: “100 euro e 4 ore in più a viaggio per le consegne. Anas risarcisca”

La chiusura della Statale Regina, tratto Colonno, per il cantiere della Variante della Tremezzina è un tema caldissimo delle ultime settimane e soprattutto al centro di polemiche roventi. Residenti, pendolari e studenti sono tra i più colpiti dal provvedimento e stanno cercando di far sentire la loro voce negli ultimi giorni. Anche numerosi amministratori hanno preso posizione denunciando l’assenza di un confronto reale (è il caso, giusto per un esempio molto significativo, del sindaco di Menaggio Spaggiari).

Un’altra categoria che rischia di essere colpita pesantemente è quella della aziende che vedranno stravolte le proprie routine lavorative.

Tra queste la Chiarella di Plesio: “Non sono state ascoltate abbastanza le esigenze dei cittadini e delle attività – denuncia duramente Anna Giugno, amministratore delegato – con la chiusura della Regina ogni trasporto ci costerà 100 euro in più. Senza contare che i viaggi saranno più lunghi di 3/4 ore contando le pause degli autisti. I nostri camion dovranno fare il giro del lago passando da Colico”.

Ma non finisce qui: “Le aziende – aggiunge – non possono prendersi carico di tutti i costi di questo provvedimento, abbiamo chiesto un risarcimento ad Anas, siamo in attesa di una risposta”.

Le polemiche non si placano, ogni giorno emergono nuovi aspetti preoccupanti di questa chiusura; ma, nonostante tutto, il cantiere si avvicina ogni giorno di più.

Per questo vi invitiamo a leggere tutte le testimonianze e le denunce raccolte da ComoZero in questi mesi: QUI.

3 Commenti

  1. Mah. Si lamentano anche per lavori e migliorie grazie ai quali guadagneranno per sempre. Comunque i vantaggi son enormi per tutta la provincia, una zona priva di ferrovie e altro ancora, per cui non credo i sacrifici siano così maggiori dei benefici da dover esser addirittura rimborsati.

  2. ok, sono d’accordo. poi ad opera finita, che Chiarella paghi ad Anas 100 euro a viaggio per il tempo risparmiato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo