Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Cronaca

Fino, arrestato il titolare del bar Skubidù per spaccio di coca. Contestata al locale violazione norme igieniche e presenza di cibo conservato male

Un italiano arrestato per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e sequestrati oltre 18mila euro in contanti. E’ il bilancio di un’operazione antidroga effettuata a Fino Mornasco dai Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Como.

Nella mattinata di mercoledì scorso, 20 ottobre, le Fiamme Gialle hanno sottoposto a controllo, nei pressi di via Garibaldi, un uomo alla guida di un’auto con targa straniera.

I Baschi Verdi, insospettiti dall’atteggiamento piuttosto preoccupato e apprensivo durante il controllo di polizia e notando un visibile rigonfiamento di una tasca laterale del giubbotto indossato dall’uomo, lo hanno perquisito trovando busta di cellophane con 20 grammi di cocaina e, all’interno del mezzo, marsupi contenenti oltre 1.000 euro in contanti (di diverso taglio) oltre 260 franchi svizzeri, considerati provento dello spaccio.

Le successive perquisizioni, rispettivamente, presso il bar (di cui risultava titolare il soggetto fermato) e l’abitazione di residenza, hanno permesso di rinvenire, all’interno di una cassaforte, oltre 17.000 euro in contanti (di diverso taglio) e ulteriori dosi di cocaina, hashish e marijuana.

Inoltre, all’interno del bar, l’intervento dell’A.T.S. Insubria, appositamente attivata per i profili di specifica competenza, ha permesso di rilevare diverse violazioni in materia di igiene, sicurezza e corretta conservazione degli alimenti, tali da inibire, fino al ripristino delle non conformità, alcuni luoghi ove si svolge l’attività commerciale.

Si stima che le diverse dosi, immesse sul mercato, avrebbero fruttato, circa 6.000 euro.

L’italiano, al termine delle operazioni di polizia, è stato arrestato in flagranza di reato e trattenuto in caserma in attesa del giudizio direttissimo che si è concluso, a seguito di patteggiamento, con la condanna a 3 anni e 7 mesi di reclusione e la multa di 14.000 euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo