Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Cultura e Spettacolo

Da Roald Dahl a Lucenti: la nuova stagione del San Teodoro dedicata all’immaginazione

Venerdì 22 giugno si è tenuta la presentazione della stagione 2018/2019 presso il teatro San Teodoro, che sarà dedicata all’Immaginazione.

Qui il programma completo

“Una parola che ho sempre visto come uno scrigno in cui sono racchiuse meraviglie – spiega la direttrice del teatro Maddalena Massafra – Un contenitore di bellezze eterne scolpite nella assenza di cose, oggetti, materia. L’immaginazione crea ciò che non esiste, scompone la realtà e la rimescola, evoca immagini indipendentemente dalla presenza dell’oggetto cui si riferiscono.” 

La stagione inviterà il pubblico ad usare la propria immaginazione, per riflettere sulle opere classiche, contemporanee e sui temi di attualità, che verranno considerati attraverso linguaggi diversi dalla narrazione alla danza.

Tra le tante novità della stagione, la principale sarà il nuovo cartellone “Prosa&Danza”, che sposerà i due generi artistici sul palcoscenico del teatro.

Il 19 ottobre si terrà lo spettacolo “Trainspotting”, tratto dal famoso film di Danny Boyle, con il regista Sandro Mabellini, vincitore del premio di produzione al festival I Teatri del Sacro. A seguire, un altro evento da non perdere: Michela Lucenti, una delle maestre europee di danza contemporanea, sarà in scena venerdì 26 ottobre con Concerto Fisico per Azioni, che ripercorre la storia della compagnia Balletto Civile, da lei fondato.

Il cartellone “Prosa&Danza” darà anche spazio alla regista Liv Ferracchiati, vincitrice a trent’anni del Premio Hystrio-Scritture di Scena 2017, con Stabat Mater, uno spettacolo che descrive il viaggio di transizione fisica e mentale da femmina a uomo.

Altri eventi importanti nel cartellone prevedono lo spettacolo “Essere bugiardo” con Massimiliano Speziani e “Dialogo degli Dei” con Massimiliano Civica e I Sacchi di Sabbia. Davide Carnevali verrà in scena con “Maleducazione Transiberiana” in collaborazione con Fuori Traccia; mentre la Compagnia Oyes presenterà “Vania”, preso dal romanzo di Checov. Infine, la pluripremiata compagnia Deflorian/Tagliarini proporrà “Ce ne andiamo per non darvi altre preoccupazioni”, uno spettacolo sul tema della crisi economica. Spazio anche alla musica con la Stagione Sinfonica delle Domeniche in Concerto, intitolata Passioni, che proporrà 10 concerti. Tra gli altri temi ci saranno anche gli anniversari, come i cento anni della morte di Claude Debussy e il centenario dalla nascita di Leonard Bernstein.

Il cartellone musicale prevede anche la seconda edizione di “Musicamorfosi”, un percorso con quattro appuntamenti senza linee di confine.

Il primo sarà un omaggio al Duke Elligton della Far East Suite, il quale ha vinto un Grammy per il jazz nel 1968. A seguire, un concerto dedicato all’arte del trio, che prende vita nella magica formula dell’Yves Theiler trio.

A marzo invece Naomi Berrill rivisiterà i grandi classici, invitandoci in un incontro tra musica classica e hip hop. L’ultimo appuntamento sarà con Passpartout Duo, che cambierà il volto della musica contemporanea.

La musica continuerà con la stagione ElectroClassic, in collaborazione con Amadeus Arte e LakeComo International Music festival. Venerdì 27 ottobre Sara Calvanelli (voce, loop, fisarmonica) e Luigi Lo Curzio (contrabbasso) si esibiranno nel concerto Sogni; mentre venerdì 9 novembre appuntamento con “Winter Stories”, eseguito da Fabrizio Paterlini (pianoforte ed elettronica). Infine, venerdì 5 aprile “Till the end” con Floraleda Sacchi (arpa ed elettronica).

Inoltre la scuola di Musica di Cantù proporrà la stagione OttoMani con quattro appuntamenti per celebrare le 9 Sinfonie di Beethoven. Si riconfermerà, inoltre, lo spettacolo Carabettifici che presenterà sketch nuovi e vecchi con un cast di comici di fama nazionale (Zelig, Coloradi, Comedy Central, Le Iene…) e cabarettisti emergenti. Come ogni anno, il palco sarà aperto anche a tutte le persone del territorio che hanno voglia di confrontarsi con comici di maggiore esperienza e provare il loro materiale davanti a un pubblico.

Otto appuntamenti saranno dedicati ai giovanissimi attraverso la stagione famiglie del teatro. La stagione si aprirà il 21 ottobre con “Pollicino” di Eco di Fondo, uno spettacolo che desidera avvicinare il giovane pubblico al tema della terza età. Altri titoli di spicco saranno “Sandokan” de I sacchi di sabbia, con cinque attori intorno ad un tavolo da cucina; “Nel paese dei mostri selvaggi” con la compagnia comasca FataMorgana e “VersixVersi” tratto dalle storie di Roahl Dahl e Roberto Piumini.

A seguire due spettacoli di Campsirago Residenza: “Quella volta che nevicarono favole” e “Indimenticlown”. A febbraio ci sarà lo spettacolo “Babebibo… Blu” ispirato alle forme e ai colori di Kandinskij, mentre ad aprile arriverà “Un anatroccolo in cucina”.

La stagione 2018/2019 dedicherà anche uno spazio per “I nuovi sguardi”, un percorso misto di performance, laboratori, incontri e mostre fotografiche. Ad aprire il cartellone, “Follia” di Giacomo Puzzo che accompagna il pubblico alla comprensione della sofferenza psichica. La messinscena è frutto di un percorso biennale, portato avanti dalla Compagnia Trebisonda in collaborazione con il Teatro Comunale San Teodoro, che ha ricevuto l’adesione ufficiale del Dipartimento di Salute Mentale di Trieste, il patrocinio dell’ASST Lariana e dell’Associazione Asvap. Lo spettacolo ha coinvolto più di 100 persone, tra cui insegnanti e studenti delle scuole superiori di Como e cittadini interessati ai workshop. A seguire, domenica 18 novembre verrà proposto l’incontro con Angelo Villa (psicologo, psicoanalista, docente Irpa) e Giusi Valaderio (Presidentessa Asvap 6), che porterà la sua conoscenza sulla cultura africana.

Venerdì 7 dicembre, arriverà a San Teodoro lo spettacolo “Viaggio Italiano” in collaborazione con Emergency. Invece in collaborazione con AISM, il teatro propone “Senti come mi sento”, una riflessione sulla Sclerosi Multipla. Infine venerdì 12 aprile, appuntamento con “Per un Museo degli Esseri” in collaborazione con gli Scarti di La Spezia nella figura di Enrico Casale e del Gabbiano di Cantù.

Un altro evento da ricordare sarà il Burlesque Festival Party, organizzato da Mizi Mia Grand’Ame, in collaborazione con “Le Festival du Burlesque de Toulouse”, in programma per sabato 10 e domenica 11 novembre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab