Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità, Cultura e Spettacolo

Wow, il Music Festival che risorge. Due chiacchiere con i maghi del miracolo: Matteo ‘Taz’ Montini e Stefano Lattanzi

“Quest’anno si sono riallineati i pianeti”.

Te lo raccontano così, Stefano Lattanzi e Matteo “Taz” Montini, il miracolo di essere riusciti a far rinascere il Wow Music Festival che torna a luglio con tre giorni di concerti a Villa Olmo. Come se fosse una cosa un po’ casuale farlo dopo essere andati via sbattendo la porta per la delusione, oltretutto dopo che una pandemia mondiale ha fermato il mondo, sfidando le incognite delle regole sul distanziamento e inserendosi in un format nuovo.

Invece bisogna proprio amarla tanto questa città per pensare di infilarsi in un progetto del genere. E bisogna essere dei geniacci dal talento assoluto per mettere insieme, in soli tre mesi, un calendario così, in cui brilla, dichiarazione d’amore e di fiducia affatto scontata quando si parla di artisti di questo calibro, il nome di Francesca Michielin che, dal secondo posto a Sanremo, arriverà sul palco di un Festival di cui lei, da semplice spettatrice, nel 2018 aveva pianto la chiusura.

Gioia doppia a Como: il Wow Festival rinasce con Francesca Michielin. Da spettatrice a diva assoluta, live il 18 luglio a Villa Olmo

“Quando abbiamo deciso di chiudere il Wow Festival l’abbiamo fatto perché, per organizzare eventi di questa portata, occorre iniziare a programmare con largo anticipo e i nostri tempi non si sposavano con quelli dell’Amministrazione – spiegano gli organizzatori – inoltre, se da un lato avevamo risposte da brand nazionali pronti a scommettere su di noi, dall’altro non ne avevamo dalle realtà locali, grosso problema per un evento gratuito oltre che una delusione per la mancata risposta del territorio”.

E ora? “Dopo un anno in cui la pandemia ha toccato tutto il settore culturale e si è capita l’importanza vitale degli eventi, anche Como meritava di rinascere – raccontano – ce lo siamo detti durante il lockdown, il germe c’era”.  E, a farlo germogliare, ecco arrivare lo sguardo alto e illuminato di Barbara Minghetti, “persona non solo competente ma soprattutto capace di unire i punti – spiegano Stefano e Matteo – lei ci ha presentato Gianpiero Canino di MyNina Spettacoli e ne è nata una collaborazione virtuosa: lui offre una struttura organizzativa consolidata a cui appoggiarci e noi portiamo il nostro brand e le nostre idee”.

Questa è rinascita, Villa Olmo Festival: Elio, Michielin, Fresu, De Sfroos, Massini. Poi cinema, teatro e un programma di livello assoluto

E l’Amministrazione comunale ha fatto la sua parte: “I progetti, prima di essere tali, sono soprattutto persone e abbiamo trovato collaborazione e voglia di fare, a cominciare dallo spazio all’interno del Festival di Villa Olmo, un format nuovo per noi, con ingresso a pagamento ma con un costo contenuto a fronte di tre esibizioni al giorno, cosa per niente scontata di questi tempi”.

Come affatto scontate sono anche le altre novità di questa edizione di Wow che porta avanti la sua missione di “incubatore di giovani talenti” sul palco ma anche, da quest’anno, dietro le quinte: “Wow è un progetto pensato per Como e per questo abbiamo voluto dare spazio anche a giovani artisti comaschi che avranno l’opportunità di aprire i concerti del Festival – raccontano Stefano e Matteo – inoltre abbiamo coinvolto nell’organizzazione dieci giovani under 30 che hanno l’occasione di affiancare professionisti e capire sul campo come funziona l’organizzazione di un evento del genere, cosa che noi all’inizio abbiamo dovuto imparare da soli”.

Ma c’è speranza che tutta questa bellezza, finito l’entusiasmo post pandemia, non si schianti di nuovo contro la lentezza della burocrazia? “Vorremmo che questo fosse solo il primo passo di un progetto più lungo ma per farlo abbiamo bisogno che il Comune sia pronto già in autunno, era già successo nel 2016, si può fare – chiariscono – quest’anno abbiamo iniziato a parlarne a marzo ma gli artisti erano tutti fermi a causa della pandemia. Normalmente se non si parte mesi prima è impossibile organizzare eventi di qualità e se i finanziamenti vengono concessi a maggio non si può lavorare. E parallelamente lanciamo anche un altro appello: abbiamo le competenze e un team di giovani che ha voglia di lavorare, se avete idee contattateci e uniamo le forze”.

Il programma completo:

Wow Music Festival – “Bentornat*”
16-18 luglio 2021
Villa Olmo

Venerdì 16 luglio
Margherita Vicario
Selton
Five Quarters

Sabato 17 luglio
Frah Quintale
Cecilia
Summit

Domenica 18 luglio
Francesca Michielin
HU
Cheriach Re

Biglietti disponibili a breve su TicketOne e su teatrosocialecomo.it

 

L’ARTICOLO CHE HAI APPENA LETTO E’ USCITO SU COMOZERO SETTIMANALE: ECCO DOVE PUOI TROVARLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo