Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Economia

Fine di un sogno nato agonizzante. Villa Erba verso una storica maggioranza ai privati

Al grande pubblico, forse, la cosa risulterà tutto sommato indifferente. Eppure, si è a un passo dal fare (o archiviare, dipende dai punto di vista) una pagina di storia del territorio, della sua economia, del suo potere politico-istituzionale. Perché due giorni fa, in una saletta nemmeno troppo nobile di Palazzo Cernezzi, è caduto davvero l’ultimo tabù: Villa Erba può diventare privata. A maggioranza privata, per essere tecnicamente precisi. Si può decretare, insomma, la fine, dopo miliardi di lire e milioni di euro volati via in 30 anni circa dalle finestre degli enti pubblici proprietari, di quel sogno/delirio politico-imprenditoriale di metà anni ’80 di puntare su una immensa e costosissima struttura fissa per le grandi fiere tessili quando le grandi fiere tessili stavano già agonizzando.

Adriano Caldara

A squarciare questo nuovo orizzonte è stato l’assessore al Bilancio e alle Società Partecipate del Comune di Como, Adriano Caldara (Lega). Il quale, nella quiete di una Commissione di mezza sera, incalzato anche dalle domande del consigliere Alessandro Rapinese, si è espresso testualmente così: “Per quanto riguarda Villa Erba, discuteremo in consiglio dell’eventuale cessione di parte delle nostre azioni. Si tratta di un passo molto importante e delicato, che ruota attorno a una questione: vogliamo continuare a far parte di una società a maggioranza pubblica che però continua a conseguire forti passivi di bilancio, oppure rinunciare alla maggioranza cedendo quote ai privati ma in un soggetto con una maggiore redditività?”. Domanda più che legittima, anche se come i privati sarebbero in grado di raggiungere finalmente la maggiore redditività è ancora ignoto.

Caldara ha poi aggiunto che “nel caso servirà una modifica dello statuto che preveda la partecipazione minoritaria dei soci pubblici”.
In estrema sintesi: oggi il polo fieristico – di proprietà pubblica – è in maggioranza in mani pubbliche, che ne esprimono il presidente (oggi Filippo Arcioni, uomo legatissimo all’ex presidente della Camera di Commercio, Paolo De Santis, e già amministratore delegato di Sviluppo Como, ComoNext e della Como Venture presieduta da Maurizio Traglio; gli altri consiglieri del cda sono Fulvio Alvisi, Fabio Massimo Storer, Marta Anzani e Bianca Passera). La Camera di Commercio di Como ha 25,187%, la Provincia di Como il 16,788%, il Comune di Como il 7,312 e il Comune di Cernobbio 3,912% (dunque il 53,199% totale). Basterebbe una minima cessione di quote ai privati (che sono Fondazione Fiera Milano 21,244%, Confindustria Como 13,072%, Intesa SanPaolo 4,878%, Como Imprenditori Alberghieri 4,410%, Ascontex Promozioni Srl 1,637%, JM Droulers 1,559%) per dischiudere uno scenario completamente nuovo.

Sarà quasi certamente il consiglio comunale di Como a fare da apripista e ad alzare o abbassare il pollice su questa nuova, possibile era del polo cernobbiese. Con la prospettiva di archiviare per sempre due cose non trascurabili: la guida degli enti pubblici in una società che nel 2014 ha segnato un passivo di bilancio di 384mila euro, nel 2015 di 665mila e nel 2016 di 297mila (in una storia complessiva fatta comunque sempre di enormi buchi e di debiti allungati giusto due anni fa fino al 2025); e si mettere fine alla vita di un ibrido nato morente già 30 anni fa e che al netto di eventi di prestigio mondiale ospitanti di tanto in tanto è stata troppo spesso ridotta a buffet da matrimonio pur di mettere in cassa qualcosa. Sempre troppo poco, comunque.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: