RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Politica

Como, consiglio comunale subito col botto: Tufano (ex Forza Italia) passa a Fratelli d’Italia

E’ un matrimonio politico preceduto da un divorzio doloroso (da Forza Italia, nel novembre 2018, come si riepiloga nell’articolo e nel video qui sotto) e poi da una lunghissima e guardinga convivenza reciproca a breve distanza.

Forza Italia, terremoto continuo. Il capogruppo Tufano: “Vado nel gruppo misto”

Ma alla fine, da questa sera l’ex capogruppo degli azzurri a Palazzo Cernezzi, Antonio Tony Tufano lascia il limbo del Gruppo Misto entra definitivamente a far parte del gruppo di Fratelli d’Italia, che ora passa a ben 6 esponenti.

“In questi mesi passati nel Gruppo misto sono stato alla finestra e ho valutato quale scelta finale sarebbe potuta essere la migliore soprattutto per consonanza con le mie idee e i miei ideali – spiega Tufano – Ho optato per Fratelli perché ne condivido la politica sovranista e perché parliamo di un partito in crescita nella destra italiana, area in cui io mi riconosco. Inoltre apprezzo moltissimo i leader nazionali a partire da Giorgia Meloni e dal deputato Alessio Butti, così come il segretario provinciale Stefano Molinari e tutto il gruppo consiliare”.

“Il grande periodo di difficoltà legato a questa emergenza – conclude Tufano – mi ha convinto ancora di più della necessità di essere più incisivo nel mio ruolo di consigliere comunale e sicuramente poterlo fare in un partito e in gruppo strutturato come quello di Fratelli d’Italia può aiutare molto a dare una mano a tutta la città e ancor più alla parte maggiormente in difficoltà”.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

11 Commenti

  1. Finalmente una buona notizia…a mio avviso, con l’inserimento di questo personaggio molto carismatico tra le file di Fratelli d’Italia,il gruppo ha acquisito spessore.
    Un colpo non da poco per le prossime elezioni.

  2. Il ragazzo ha fatto la scelta giusta,facile criticare da dietro una tastiera,tutti i suoi passaggi sono stati impeccabili:
    -lascia Forza Italia per dissidi (se non ricordo male in contrasto con idee di Caprani)
    -passa nel gruppo misto
    -più di un anno a ponderare il da farsi
    -scegli un partito sano e in crescita,politicamente e ideologicamente in linea con l’ideale di partenza.
    Avanti a lavorare e non si curi di loro,Como ha bisogno di giovani grintosi come lei!!!

    1. “scegli un partito sano e in crescita, politicamente e ideologicamente in linea con l’ideale di partenza.”
      Sano e in crescita non lo so, di certo se uno era candidato in Forza Italia, partito di orientamento liberale, liberista, ed europeista, non vedo come possa mantenersi ideologicamente in linea passando ad un partito consociativista, anti-capitalista, anti-europeista e no-euro.

  3. Non ti curar di chi parla di te solo per invidia,questo posto pullula di zecche che si nascondo come loro abitudine dietro falsi moralismi!
    Continua a lavorare come stai facendo e ne raccoglierai i frutti.

  4. “Ho optato per Fratelli perché ne condivido la politica sovranista e perché parliamo di un partito in crescita nella destra italiana,”

    Non so se sia peggio la motivazione sovranista (che slogan a parte sarebbe poi bello capire in cosa consisterebbe) o il salire sul carro giusto perchè quel partito sta andando bene.

  5. Ricordo, se non sbaglio, un “gazebo” e altre forme (civili) di protesta di Fratelli d’Italia sul fatto che il Governo, composto dai due partiti di maggioranza relativa (tra l’altro), era nato da un cambio di rotta del Movimento 5Stelle, passato da un’alleanza con la Lega (ex alleato di FdI per inciso), a un’alleanza con il PD.
    Sembrava gravissimo che non si fosse andati a votare. I Fratelli, anche a Como, gridarono all’attacco alla democrazia (sich!).
    E’ un’esperienza interessante se vista oggi.
    Infatti, il Consiglio Comunale di Como ha 6 rappresentanti di Fratelli d’Italia che alle elezioni comunali del 2017 aveva eletto solo 2 consiglieri con il 4,63% dei voti. Per intendersi, il PD con il 14,25% dei voti ha in Consiglio solo 3 consiglieri. Non mi sembra l’apoteosi della “democrazia” ?.
    Tra l’altro, se si considera la misera figura che sta facendo l’Amministrazione di Centro destra in Comune, i diversi cambi di casacca, lo zelante attaccamento alla poltrona di qualche Assessore ex-FI e ora con FdI, c’è da chiedersi, ma perché in nome della democrazia vilipesa i Fratelli non sfiduciano l’Amministrazione?…….non avranno un accordo sotto banco perfino con il “buon” Sindaco? ?

  6. La mossa pare poco strategica. Mi sembra quelli che tolgono il tappo alla barca per dispetto. Ma sono a bordo anche loro. Affonderanno tutti. Ben gli sta

  7. Mossa non di poco conto non tanto per il personaggio ma per chi da Olgiate tira i fili, sindaco sempre più accerchiato e nel frattempo qualcuno dal suo scranno a Roma gongola…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo