Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità, Politica

Elezioni, Molteni a Como, Caprani a Erba: ecco le prime uscite ufficiali. Le segreterie regionali: “Candidati unitari”

L’ufficialità è arrivata la settimana scorsa con una nota diffusa dai coordinamenti regionali dei partiti di centrodestra: Fratelli d’Italia, Forza Italia e Lega (qui i dettagli). Come noto Giordano Molteni è stato individuato quale candidato sindaco della coalizione di centrodestra per la prossima corsa elettorale a Como ma senza l’appoggio del sindaco uscente, Mario Landriscina (qui l’intervista). Per quanto riguarda Erba il candidato è Mauro Caprani, coordinatore provinciale azzurro) dopo la scelta del sindaco Veronica Airoldi di non ripresentarsi. Sul nome di Caprani abbiamo raccontato come, negli ultimi giorni, sia montato un certo malcontento: Erba, il no a Caprani candidato sindaco di 19 personalità della città: “Non erbese e non inserito nella comunità”. Ma, al momento, l’ufficialità mette la parola fine a ogni dissenso, quantomeno formalmente.

Così i due vanno al debutto per un primo incontro pubblico con la stampa. Domani, sabato 11 marzo, Giordano Molteni incontrerà i giornalisti a Como, appuntamento alle 11.30. Mentre l’incontro con Mauro Caprani è fissato per sabato 19 marzo alle 11 a Erba. Il comunicato che annuncia gli incontri evidenzia come i due siano “candidati unitari della coalizione che coordinamenti regionali di Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia e Noi con l’Italia hanno deciso di sostenere unanimemente alle elezioni amministrative 2022”.

Così la campagna elettorale entra nel vivo nel capoluogo. Alessandro Rapinese (Lista Rapinese sindaco) ha acceso i motori da tempo. Da qualche settimana è partita anche Barbara Minghetti (centrosinistra quasi al completo). Resta da capire cosa farà Civitas di Bruno Magatti dopo la scelta di non allinearsi con Minghetti e altrettanto Insieme per Landriscina, la civica del sindaco il quale non ha ancora deciso se correre o ritirarsi.

 

Un commento

  1. Candidati unitari? Il primo contrastato alle amministrative di neanche 2 anni fa in un piccolo comune di 6.000 anime, ed ora magicamente sostenuto nel capoluogo di provincia. Il secondo che esce da 3 mandati (senza contare i precedenti incarichi) in un comune di neanche 600 abitanti, candidato senza alcun tipo di confronto sui tavoli locali. Alla faccia degli inciuci di palazzo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo