Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Fermi candidato sindaco? Molinari (FdI): “Forza Italia ha chiuso la discussione su Landriscina Bis. Prendo atto”. Ma poi non si sbilancia

“Prendo atto, Forza Italia ha chiuso le discussioni sul Landriscina-bis”.

E’ lapidario il commento del coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, Stefano Molinari.

D’altronde l’intervista pubblicata ieri sera su queste pagine, dove il coordinatore provinciale azzurro Mauro Caprani ha lanciato la candidatura a sindaco 2022 di Alessandro Fermi (attuale presidente del Consiglio regionale e leader del partito in provincia), non poteva che implicare l’automatica e logica esclusione, quantomeno secondo i berlusconiani, di una nuova corsa dell’attuale primo cittadino.

Inoltre è un evidente giudizio politico. Inoltre, ben si sa, i rapporti tra forzisti, alleati e sindaco nel Cernezzi sono un disastro da anni, nonostante il rientro in giunta del luglio scorso con Gervasoni e Cioffi.

L’atomica Forza Italia, Caprani candida Alessandro Fermi sindaco di Como: “Per me è l’uomo ideale”

“Dell’intervista che avete pubblicato – vuol ribadire Molinari – la cosa più importante è che Forza Italia si prende la responsabilità politica di dire no a una ricandidatura di Landriscina”. Da evidenziare come, fino a oggi, nessuna civica o partito di maggioranza abbia mai proposto la ricandidatura. E a dirla tutta, quattro anni fa, sempre da queste pagine fu lo stesso sindaco a escludere l’ipotesi, scatenando peraltro un putiferio che lo costrinse a rettificare (ma il video nell’articolo è chiarissimo).

VIDEO Mario l’inedito tra alleati scomodi, ex assessori e l’annuncio (prematuro?): “Non mi ricandido”

Ma piace a Molinari l’opzione Fermi? “Prima di commentare vorrei sapere cosa dice lui”. Quindi non un sì ma nemmeno un no. “Sentiamo cosa dice e poi facciamo le considerazioni del caso ma noi prenderemo in considerazione solo nomi condivisi”.

Attendismo dunque nei Fratelli, d’altronde sono molte le ragioni per cui l’attuale presidente del Consiglio regionale sarebbe un ottimo aggregante per un centrodestra cittadino al momento tutt’altro che unito. E’ pure vero che i rapporti del presidente con il leader meloniano, il deputato Alessio Butti, sono diciamo non serenissimi. Ma di tutto questo abbiamo diffusamente parlato stamani, qui:

Centrosinistra nell’angolo, l’addio a Landriscina, l’incognita FdI: gli scenari con Fermi candidato sindaco

2 Commenti

  1. Forza Italia al di là degli ultimi risultati elettorali, che sono conseguenza del fenomeno mediatico che come li ha resi “di moda” negli ultimi decenni al pari di Lega , Renzi e 5s, e un domani FeFe party (Fedez & Ferragni inc.) oggi li ha resi fuori moda, negli anni ha costruito una rete di amministratori capaci e con esperienza. Il popolino votante non lo capisce, ma a livello locale è meglio del falso nuovo delle liste civiche ( il Mario è stato prima che un medico un boiardo regionale, e come tutti i boiardi oggi ha paura nel prendere decisioni) crea solo danni. Senza contare che nel retrobottega altri non votati prendono le decisioni per lui.

  2. Ma vi rendete conto di quanto siete ridicoli??? Sostenete Landriscina con la maggioranza in consiglio e più di un anno prima delle elezioni lo scaricate e candidate il signor Fermi, che fantasia! Il popolo pensate che dimentica? La resa dei conti saranno delle libere elezioni dove emergerà il risultato del governo della città degli ultimi quattro anni… candidato top, ma mi faccia il favore! Signor Fermi la Pedemontana gratis tanto sbandierata dov’è ??? Mi fermo, meglio non aggiungere altro… cordialità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab