Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Landriscina: “Il documento dei 100 sindaci su Ats? Era un testo già confezionato, sono abituato a confrontarmi”

Il sindaco di Como, Mario Landriscina, ha spiegato questa sera in consiglio comunale – esplicitamente sollecitato dal consigliere pentastellato Fabio Aleotti – la mancata sottoscrizione del documento firmato da oltre 100 sindaci di Como e Varese per sottolineare, dal loro punto di vista, le mancanze di Ats Insubria sulla gestione della pandemia per gli aspetti di competenza.

“Non ho aderito – ha spiegato il sindaco – non per aspetti pregiudiziali, il documento era anche lodevole per i contenuti. La nota mi è giunta un maniera molto informale domenica mattina, era un testo già confezionato. Per alcuni aspetti la nota poteva essermi congeniale, per altri no e dunque con franchezza non l’ho sottoscritta. Io di norma sono disponibile ma se c’è la possibilità di discutere e interloquire sui contenuti”.

Caos tamponi, Ats punta il dito su sindaci e Asst. La furia parallela di Moretti e Broggi: “Panzane e scaricabarile”

“Ma non sono stato alla finestra in questi giorni – ha tenuto a rimarcare Landriscina – Abbiamo avuto diversi colloqui con i vertici della sanità di riferimento, tant’è che siamo arrivati alla condivisione di alcune soluzioni e almeno su un pezzo, com’è nel mio stile, cioè in silenzio, cosa che da fastidio o può essere ritenuto inquietante ma io me ne curo poco, abbiamo realizzato un nuovo punto tamponi (al San Martino, ndr) per gestire meglio un afflusso sconsiderato in via Napoleona”.

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo