RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Politica

Como, la Lega sfida FdI e Forza Italia: “Chi non ha voluto il Landriscina bis ora proponga il candidato sindaco”

“Ora chi non ha voluto più sostenere per il futuro il sindaco in carica proponga soluzioni all’altezza”.

Con il titolo della nota appena diffusa dalla Lega comasca, ormai si può parlare di sfida aperta – sebbene vestita da mano tesa – tra il partito di Matteo Salvini (che ha sempre sostenuto la ricandidatura a sindaco di Mario Landriscina) e gli alleati, in primis Fratelli d’Italia (che bocciò il bis dell’attuale sindaco proponendo la candidatura di Stefano Molinari, tramontata ufficialmente ieri) e Forza Italia che stroncò già in autunno qualsiasi replica dell’attuale primo cittadino.

Elezioni Como, anche la Lega frena su Molinari. FdI: Marco Butti in pole, Alessio Butti in caso di impasse

“Apprendiamo dai giornali il ritiro della candidatura di Stefano Molinari, esattamente come in autunno ne abbiamo appreso la presentazione. Ora però serve serietà e responsabilità da parte di tutti”, è la prima stoccata dei leghisti verso i meloniani.

“La stima per il candidato di Fratelli d’Italia non è mai stata messa in discussione dalla Lega, non è stato boicottato, non ci sono mai stati veti – prosegue la nota, che replica proprio all’accusa di boicottaggio lanciata ieri da Molinari nell’annunciare il ritiro – Questo nonostante il suo iniziale lancio da candidato sindaco abbia segnato la rottura del percorso comune con l’attuale amministrazione e il sindaco uscente Mario Landriscina”.

Poi un occhio a quanto accaduto finora nel centrodestra comasco: “Nelle ultime settimane ci sono stati tavoli politici, anche nazionali, dove la coalizione di centrodestra si è confrontata e dove il partito di cui Molinari rappresenta il vertice provinciale aveva avanzato la richiesta di indicare il candidato sindaco di Como. Non sul tavolo politico, ma dalla stampa apprendiamo che Molinari ha ritirato la propria disponibilità e la Lega condivide il suo auspicio che il Centrodestra possa essere guidato da un candidato autorevole e capace”.

La palla però è rigettata nel campo degli alleati da parte della Lega, puntando il mirino soprattutto su Fratelli d’Italia e facendo perno sul fatto che la responsabilità di colmare il grave ritardo del centrodestra nell’individuazione del candidato sindaco per Como è originata dal muro contro il Landriscina bis.

“Ora speriamo che le situazioni interne a Fratelli d’Italia non ricadano sull’intera coalizione di centrodestra. Serve nei confronti dei cittadini la massima responsabilità – chiude la nota della segreterie provinciale del partito di Matteo Salvini – Speriamo, ma soprattutto, come sempre, lavoriamo perchè prevalgano serietà e responsabilità. Como si merita il meglio e come Lega confermiamo la nostra collaborazione per la scelta del candidato sindaco auspicando che ogni passo venga affrontato con condivisione e confronto e non invece tramite le agenzie di stampa. Questo perché siamo tutti convinti che vogliamo offrire ai comaschi la miglior proposta possibile”.

Ma a fronte di questo monito, cosa succede effettivamente ora? Per ora, filtra poco, soprattutto da Fratelli d’Italia che in qualche modo ormai ha l’onore-onere di fare una proposta poi da condividere. I nomi in lizza in queste ore sono sempre quelli: il deputato Alessio Butti e l’assessore all’Urbanistica di Palazzo Cernezzi Marco Butti. Naturalmente, sempre a meno che non spunti qualche jolly a sorpresa dell’ultimo minuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

5 Commenti

  1. Si son fatti furbi: fiutando la possibile sconfitta, meglio lasciare ad altri l’onere di fare un proposta.

    Un po’ quel che è successo a Roma o Milano: nessuno voleva prendersi la responsabilità di fare certe scelte.

    Ricordiamocene a maggio!

  2. Spero andiate a casa tutti, peccato non ci sia vergogna in nessuno, e’ davvero il caso di un bis dell’ attuale amministrazione, ma per favore !!!!
    Auguro a Rapinese di farcela stavolta e sradicare questo assurdo team di incapaci che perdura da troppo tempo, cambia la musica ma i suonatori sempre gli stessi !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. OGGI LE COMICHE

    Lega: “Tocca a te, perché ci hai sfiduciato il Landry!”
    FDI: “No, a te tocca, che dici di avere la maggioranza relativa dei voti!”
    FI : “E a me, allora, non toccherebbe mai?”

    Eccetera, eccetera, eccet…

  4. Buonasera,
    Dopo questo comunicato della Lega, la mia analisi di ieri, non siamo in Università ho dovuto fare sintesi, allora è stata troppo severa. La Scienza della Politica, mi fa essere a valutativo, ma qui intervengo da Cittadino che ama Como. Ora proprio da osservatore, credo che proprio per la Democrazia ci sia bisogno di avere programmi e visioni. Trovo davvero strano che dal famoso Novembre ad oggi il Centrodestra non abbia un nome, impossibile, roba che se vado stasera da Davide Bonelli crea una storia per il prossimo Tex, o Mister No, o Dylan Dog o meglio Julia, l’ investigatrice.
    Impantanati nelle trincee delle comunali, e si vota domani, i partiti del centrodestra sono finiti in rotta anche sulla guida delle commissioni parlamentari . Giorgia Meloni contro tutti o tutti contro Giorgia Meloni, è un po’ il mood della coalizione che, a poche settimane dalla nascita del governo Draghi, registra già distanze siderali al proprio interno. Il termometro per l’esattezza segna temperature polari tra la leader di Fdi e Matteo Salvini. Complici, chissà, anche gli ultimi sondaggi, che darebbero l’unico partito di opposizione in crescita.
    L’ultimo botta e risposta ieri: su quello che ormai è obbiettivo dichiarato di un nuovo soggetto Conservatore sempre più vicino al partito gollista in Francia. Ma i rapporti sono ai ferri corti soprattutto dopo le elezioni del Presidente della Repubblica. A Verona hanno decido in tanti Capoluoghi di Provincia anche, a Como saranno i venti del Lago che agitano le Anime. Mi viene in mente SALVINI a Roma, con Milano un disastro,
    “Chi ha detto no a Bertolaso per mesi ora faccia qualche proposta alternativa”, era il segretario chiamando in causa espressamente gli alleati di Fdi.
    Italia Viva, Renzi aveva aperto al Pd, ma a Torino era vicina l’intesa con la destra.
    Difficile spiegare a Colleghe e Colleghi giornalisti stranieri cosa succeda in Italia. Ieri un settimanale della Svizzera francese mi ha chiamato per Como, volevo dire che prima si leggesse il bellissimo ultimo libro sugli scacchi ♟ pubblicato da un grande Editore come Franco Maria Ricci (gli eredi).
    Baci e Abbracci.
    Davide Fent
    @davidefent

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo