Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Paratie, il Pd attacca: “La città non ha ancora visto i rendering degli arredi. Si tratta così il lungolago?”

Dopo il sopralluogo di questa mattina da parte di Regione e Comune sul cantiere delle paratie, dall’opposizione di Palazzo Cernezzi piazza un affondo centrato soprattutto sulla questione degli arredi (competenza in carico all’amministrazione cittadina, con il progetto esecutivo annunciato dal sindaco Mario Landriscina in arrivo entro aprile).

Paratie, sopralluogo dell’assessore Sertori: “Lavori al 40%, incognita materie prime. Regione pronta a intervenire”

“Sono quasi sei anni da quando Regione Lombardia ha preso in mano la gestione del progetto paratie – afferma il consigliere comunale del Pd, Gabriele Guarisco – Ma al netto di quanto viene rivendicato durante le periodiche passerelle degli esponenti regionali, questa è tutt’altro che una storia di coraggio. Piuttosto è evidente come Palazzo Lombardia abbia approcciato di malavoglia la questione, concentrandosi solo sull’aspetto ingegneristico, senza dialogo e raffronto con la città di Como”.

Poi la questione degli arredi della futura passeggiata.

Como, nuovo lungolago: ecco le grafiche con insetti, pesci e tartarughe nel porfido. E le sezioni tecniche

“Nonostante ci sia stato tutto il tempo per coordinarsi (quasi sei anni di gestione regionale, appunto), il Comune è stato mobilitato per la progettazione degli arredi della passeggiata solo un anno fa – afferma Guarisco – e ha dovuto muoversi in fretta e con affanno per definire il progetto del nuovo lungolago, acconciandosi a tutte le costrizioni imposte dalle opere che la Regione ha pensato in autonomia”.

“C’è poi un altro tema – chiude il consigliere – chi ha visto un rendering del futuro arredo del lungolago? Non certo i cittadini comaschi, fruitori futuri di questi spazi strappati per troppo tempo alla città. Ma si tratta così il più bel lungolago d’Italia?”.

Un commento

  1. Non credo che in Comune di Como ci sia qualcuno che abbia mai pensato a cosa significhi per una città lacuale progettare un Lungolago di qualità. Negli uffici tecnici certamente nessuno. Nelle stanze della politica poi, il vuoto pneumatico ??.E quindi vai! con incarichi esterni sotto soglia di gara pur di togliersi il fastidio di fare un progetto qualunque, basta togliersi il problema! Tanto i cittadini cosa ne capiscono! E poi un progetto vale l’altro, l’importante è togliersi il problema e farla finita con ‘sta storia del Lungolago!! Per non parlare di Piazza Cavour,una delle più insulse piazze fronte-lago d’Italia, fatta di cespugli, fontanelle improbabili e alberi piantati a caso, ma poche panchine mi raccomando……Ma forse qui qualcuno conosce o è mai andato a vedere cosa è il bellissimo progetto del Lungolago di un paesino come Malgrate?Un progetto realizzato in 10 anni, per fasi,con l’obiettivo di dare qualità e possibilità molteplici d’uso del fronte lago?Ovviamente no, qui siamo troppo importanti per perdere tempo e studiare chi lavora davvero per il bene pubblico, con competenza e intelligenza pubblica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo