Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Stadio pubblico-privato (e Ztl attorno), ok ai progetti piscina e palazzetto a Muggiò: lo sport secondo Minghetti

La coalizione di centrosinistra che sostiene la candidatura di Barbara Minghetti a sindaco di Como ha presentato questa mattina la parte del programma che riguarda lo sport.

“Non serviva la pandemia per convincerci dell’importanza dello sport nella nostra città – ha commentato Minghetti – Lo sport, come processo di inclusione, di crescita, di socialità e di benessere sarà al centro di ogni nostro sforzo amministrativo. Nella nostra città lo sport ha bisogno un’azione vigorosa, sia per quanto riguarda le strutture – dalla piscina, allo stadio, dalle palestre agli impianti nei quartieri – sia per il ruolo di supporto che l’amministrazione deve avere con le molte associazioni che operano, con mille sacrifici, per il bene di migliaia di ragazzi, bambini, meno giovani e con grande attenzione per i disabili”.

Impostazione confermata da Mario Forlano, coordinatore insieme con Luca Vozella del tavolo dello Sport, che aggiunge: “Dalla manutenzione straordinaria delle strutture esistenti alla creazione di nuove zone dedicate alla pratica dello sport, il programma dei prossimi 5 anni dovrà necessariamente dare impulso al sistema sportivo della città, valorizzando il patrimonio umano e strutturale di cui la città dispone”.

Di seguito, le proposte integrali contenute nel programma elettorale.

Stadio Sinigaglia: una struttura moderna e riqualificazione urbana del quartiere
La riqualificazione dello stadio, stante la peculiarità e la specificità del contesto di notevole pregio storico-ambientale e paesaggistico, richiede la messa a punto di un progetto di alto profilo urbanistico-ambientale. Il progetto deve quindi comprendere oltre alla struttura dello stadio Sinigaglia anche l’area dei Giardini di Ponente, la pedonalizzazione delle via Puecher e viale Sinigalia, con sosta garantita per i soli residenti, la connessione e riqualificazione dell’asse giardini-passeggiata di villa Olmo, nuovi spazi per funzioni sportive di quartiere, valorizzazione della piscina, delle storiche attività nautiche e dell’idroscalo già presenti.

Un progetto di tale natura richiede necessariamente la regia del Comune in quanto diretto a creare un nuovo polo multifunzionale che, oltre al calcio, sarà dedicato allo sport e allo svago a servizio di tutti i cittadini e la cui peculiarità risiederà nella necessaria integrazione dello stesso con il quadro ambientale rappresentato dallo straordinario scenario del lago. Il progetto potrà essere realizzato con risorse pubbliche e private, nel rispetto della vigente normativa in materia. In questo senso, soltanto una concessione di lunga durata può dare alla parte privata le garanzie necessarie per effettuare investimenti importanti.

Piscina, palazzetto e Campo Coni
L’iter di attivazione del project financing, per la realizzazione della piscina di Muggiò verrà accelerato per restituire al più presto l’impianto alla città. Per quanto riguarda il Palazzetto dello sport, per il quale sono stati chiesti finanziamenti statali e regionali, la progettazione sarà portata a termine nei tempi più brevi possibili e saranno aperti nuovi canali per la ricerca di ulteriori forme di finanziamento. Sarà inoltre valutato un intervento di manutenzione straordinaria sul Campo Coni.

Gestione e manutenzione degli impianti
Le società sportive il più delle volte sono disposte a fare investimenti sulle strutture ma la ridotta durata delle concessioni non fornisce loro gli strumenti per poter intervenire. Per questo, estenderemo la durata delle convenzioni, nei imiti permessi dalla legge, per garantire maggiore stabilità alle società.

Pulizia degli impianti
Nella condivisione degli impianti tra scuole a e associazioni sportive, il Comune dovrà essere garante e facilitatore nei rapporti tra i diversi soggetti, al fine di risolvere la conflittualità esistente tra i diversi fruitori degli impianti.

Manutenzione ordinaria e straordinaria
L’obiettivo è di rendere totalmente fruibili le strutture esistenti, aumentando la collaborazione tra l’ufficio tecnico del Comune e i dirigenti scolastici. Sarà previsto un cofinanziamento tra società e Comune per la manutenzione ordinaria e verrà programmato un Piano di ristrutturazione straordinaria annuale, dando la priorità alle situazioni più critiche.

Il rapporto tra Comune e associazioni sportive
Sarà individuato, oltre al ruolo dell’assessore allo Sport, un consigliere che sarà referente diretto delle associazioni, in modo da attivare un filo diretto tra amministrazione e mondo dello sport.
Il consigliere delegato, insieme con l’assessore allo Sport, sarà il referente diretto anche della Consulta dello Sport, organo competente e rappresentativo del mondo sportivo comasco.

Lo sport come strumento di inclusione
Saranno previste forme di benefici, di agevolazioni e di sostegno sia per le società sportive che per le famiglie. Con riferimento alle società sportive queste forme di beneficio saranno indirizzate a coloro che proporranno un’offerta che coinvolga diverse fasce di età.
Con riferimento, invece, alle famiglie, verranno previsti benefici nei casi in cui più soggetti del medesimo nucleo familiare partecipino alle attività o per le famiglie con ISEE più bassi;
Verrà attivato un canale comunicativo aperto tra gli uffici comunali che si occupano di progetti sociali e quelli che si occupano di sport. Saranno emessi bandi mirati per associazioni che “prestano” i propri istruttori durante le ore di motoria nelle scuole (dall’infanzia alle superiori).

Lo sport nei quartieri
Verrà realizzata una serie di giornate dello sport nei diversi quartieri della città che culmineranno nella riproposizione della Notte Bianca dello Sport nel centro della città. La proposta consente di estendere la platea dei beneficiari, di creare un legame tra il cittadino e il luogo in cui vive, di rivitalizzare aree e zone troppo spesso inutilizzate.

Lo Skate-Park
La proposta, nata direttamente dai giovani skater, è di dare nuova vita allo spazio, ora inultilizzato, che costituisce la parte posteriore dell’autosilo val Mulini e creare uno skate park interamente coperto e riparato. Un modo nuovo di sfruttare uno luogo con tantissime potenzialità e in cui gli skater di tutta la provincia (e non solo) possano condividere momenti di sport, aggregazione e socialità.

Lo sport nei parchi
La promozione dello sport nei parchi passerà dall’individuazione delle aree verdi da poter mettere a disposizione della cittadinanza. Seguirà l’individuazione delle ASD/SSD che realizzeranno attività sportiva in settimana, a pagamento e gratuita, destinata a diverse fasce di età (bambini e ragazzi, donne, over 65), grazie ad un contributo di Sport e Salute/Comune Saranno inoltre individuate le ASD/SSD che, a rotazione, promuovono sport minori negli spazi messi a disposizione. Verranno creati programmi diversificati per target e giornate a tema con incontri formativi sui temi di «sport e sociale» e «sport e salute».

Sport e Turismo
Avvieremo una collaborazione con gli operatori del settore, albergatori, tour operator, creando la migliore offerta per valorizzare la sinergia tra sport, paesaggio, cultura e turismo. Destineremo, in accordo con gli albergatori, parte del budget previsto dalla tassa di soggiorno per la promozione e l’organizzazione di eventi sportivi.

Il Giro di Lombardia
Sarà confermato il supporto al Giro di Lombardia: la classica monumento del ciclismo mondiale, che, oltre a rappresentare un evento sportivo di assoluta eccellenza è veicolo di marketing territoriale di grande valore, anche in considerazione della crescita generale che il ciclismo amatoriale nel mondo.

Le Olimpiadi invernali del 2026
Le Olimpiadi Invernali di Milano e Cortina rappresentano un traguardo importante per l’intera Lombardia. Como dovrà giocare il ruolo che le spetta nella rete che si è attivata per l’organizzazione dell’evento e dovrà cogliere le occasioni che si presenteranno. La sinergia in primis con il Comune di Milano, ma anche con la limitrofa provincia di Sondrio saranno fondamentali nelle dinamiche che stanno già animando questa rete organizzativa.

Nuove opportunità per gli sportivi
Saranno individuati i parchi, le zone e i possibili percorsi per la realizzazione e l’installazione di targhe marcatrici delle distanze per podisti a partire dal chilometro zero e ripetute ogni 100 metri, fino ad arrivare al primo chilometro. Per i podisti è fondamentale poter contare su riferimenti precisi, per poter ottimizzare le sedute di allenamento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo