Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità, Politica

Sciogliere Forza Nuova, la Lombardia dice sì ma con 40 assenti. Poi il no allo stop SuperBonus

Nella seduta odierna del Consiglio regionale sono state discusse mozioni su diversi argomenti. Qui di seguito la sintesi degli argomenti con l’esito delle votazioni.

Proroga del Superbonus 110 – Avviare una interlocuzione con Governo e Parlamento per chiedere che la misura del Superbonus 110 venga prorogata mantenendo l’originario regime di incentivi. Lo prevede una mozione, illustrata da Nicola Di Marco (M5S), approvata all’unanimità. Nel documento si precisa che deve essere “confermato il bonus facciate nonché monetizzati i bonus casa, compresi quelli al 65 e 50 per cento, permettendo ai beneficiari di optare per la cessione del credito o lo sconto in fattura in luogo della detrazione fiscale”. Si chiede inoltre di mantenere nella platea degli interventi che possono accedere alla misura “quelli per gli edifici non condominiali, ma senza limitazioni Isee”.

Sanità – Rivedere le procedure di rimborso della quota associativa alle associazioni di donatori di midollo osseo prevedendo l’erogazione direttamente attraverso il Registro Regionale Lombardo e non attraverso i Centri Donatori, adeguandosi al modello di convenzione quadro proposta dal Ministero della Salute e semplificando così le procedure per velocizzare l’erogazione. Questa la richiesta contenuta in una mozione promossa dalla consigliera Gigliola Spelzini e dai consiglieri della Lega, approvata oggi all’unanimità dall’Assemblea lombarda. Sempre in tema di sanità, è stata invece respinta la mozione del PD (prima firmataria Carmela Rozza) che chiedeva un’accelerazione dell’organizzazione per la somministrazione della terza dose ai cittadini lombardi over 18 (a favore 21 voti, contrari 36). Sull’argomento è intervenuto anche il Presidente della Commissione Sanità Emanuele Monti.

Additivo AdBlue – Nella mozione proposta e illustrata da Guido Barucco (FI) e approvata all’unanimità dall’Aula si chiede al Presidente della Giunta di attivarsi presso il ministero competente e in Conferenza Stato-Regioni affinchè sia trovata “una idonea e tempestiva soluzione al problema di produzione e reperimento dell’additivo AdBlue” così da scongiurare il fermo dei mezzi di trasporto in Italia, che causerebbe danni incalcolabili all’economia del Paese. La produzione italiana di AdBlue, additivo fondamentale per il funzionamento di autotrasporti, è stata temporaneamente sospesa dall’unica azienda produttrice in quanto il prezzo delle materie prime (gas metano e urea) ha subito un notevole incremento che ne ha reso antieconomica la produzione.

Scioglimento Forza Nuova – Il capogruppo PD Fabio Pizzul ha illustrato la mozione che chiede al Presidente della Giunta di attivarsi presso il Governo nazionale “affinché si proceda allo scioglimento di Forza Nuova”. Nel documento, approvato con 25 voti a favore e 2 contrari (in 40 non hanno partecipato al voto), si sostiene la necessità di promuovere la modifica dello Statuto regionale per stabilire che “in Regione Lombardia è vietata ogni organizzazione, associazione, movimento o gruppo avente tra i propri scopi l’incitamento alla discriminazione o alla violenza per motivi razziali, etnici, di genere, nazionali o religiosi”.

Cultura della legalità – “Il Presidente della Giunta viene impegnato a promuovere e sostenere l’affermazione della cultura della legalità e dei principi democratici costituzionali contrastando in maniera inequivocabile e senza ambiguità ogni forma di manifestazione del fascismo e di qualsiasi tipologia di condotte e atteggiamenti ad esso riconducibili”. E’ il primo punto della mozione illustrata da Massimo De Rosa (M5S) che intendeva “promuovere una cultura della legalità” anche attraverso iniziative di comunicazione o culturali. Il documento, respinto con 43 voti contrari e 24 favorevoli, prevedeva inoltre la promulgazione di un Codice Etico e Comportamentale “che abbia come finalità l’accantonamento di ogni estremismo riconducibile al fascismo e al regime fascista negli spazi istituzionali lombardi”.

Condanna degli episodi di violenza – E’ stata approvata con 52 voti favorevoli (16 non hanno partecipato al voto) la mozione, presentata dalla Lega (illustrata da Andrea Monti), in cui si impegnano i Presidenti del Consiglio regionale e della Regione a prendere posizione di netta condanna verso gli atti di vandalismo e violenza verificatisi a Roma e a esprimere solidarietà a chi è stato aggredito e danneggiato; a condannare ogni atto di violenza compiuto in questi anni da forze politiche di qualsiasi estrazione, di estrema destra come di estrema sinistra; a esprimere un giudizio chiaro circa l’inconciliabilità di tutte le realtà sovversive con i valori del diritto naturale, della Costituzione italiana; a esprimere il diritto di manifestare pacificamente le opinioni, quali esse siano. Il gruppo Fratelli d’Italia ha dichiarato in Aula di voler sottoscrivere il testo.

Educazione finanziaria – Il Consiglio si è concluso con l’approvazione unanime della mozione, illustrata da Monica Forte (Gruppo Misto), che impegna il Presidente della Giunta regionale a farsi parte attiva presso il Governo affinchè dia avvio a una “diffusa fase sperimentale di educazione finanziaria e della gestione dei soldi e del risparmio” con l’obiettivo di rendere tale insegnamento curricolare nelle scuole e ad estendere tale fase sperimentale alle carceri e alle aziende.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo