RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Punti di vista

La giostra delle promesse s’è fermata, come sei ridicolo vecchio San Martino con quel trucco bellissimo in faccia

Che grande rimpianto c’è su quella collina piena di sole e di verde.

Era talmente tanto il silenzio tra gli alberi gialli e rossi del San Martino, domenica mattina, che quasi si sentivano ancora gli echi di chi dentro quei muri, per lunghi anni, ha lottato contro demoni invisibili, dialogato con personaggi fantastici, detto addio alla normalità (ma ne esiste una uguale per tutti?).

Ciò che resta dell’ex ospedale psichiatrico che dal 1882 al 1991 ospitò a Como pazienti in fuga da mondi ostili e prigionieri di disperazioni, oggi è poco più di quello: silenzio. E tanto abbandono intorno.

Sì certo, qualche attività funziona ancora: il Cral – nome anch’esso con un sapore antico -, la chiesetta ortodossa in fondo a un viale, qualche stanzone sotto le insegne (spesso accartocciate) di Ats Insubria, proprietaria dell’area. E poi, l’Arca (che un’idea l’ha avanzata) e l’Hospice, luoghi, questi sì, dove cura, amore e sofferenza trovano l’unione più alta. Ma la vita quotidiana attorno, quella che meriterebbe questo colle coloratissimo eppure vagamente spettrale nel mastodonte al centro – quella che darebbe linfa nuova alle radici del luogo, senza dimenticare chi c’è ancora e chi c’è stato – è assente.

Ripeterlo ogni anno è tanto inutile quanto doveroso. Perché il San Martino – che nemmeno custodisce più l’archivio del vecchio manicomio, finito a Lodi, tra nebbie lontane che rievocano quelle perfide e dense che possono infiltrarsi nella mente – oggi è un grande punto di domanda sulla città. Fatto di cemento e crepe, da cui però la luce non filtra. Nessun progetto pubblico reale (solo lo studio di fattibilità della Provincia), nessuna verità su tanta storia oltraggiata dalle spallucce di una città chiusa fuori dal cancellone, a inizio salita.

E pensare che – sembra un secolo ma è solo ieri – la ruota del tempo, nel giugno scorso, era tornata a segnare l’ora del colle, proprio come l’orologio rotto che, per inerzia, due volte al giorno c’azzecca per forza. Si votava, a inizio estate.

E allora ecco tornare il San Martino anabolizzato da promesse, parchi urbani, nuove scuole, persino anfiteatro e rilanci e recuperi fantasmagorici: ogni candidato con la proposta geniale e “fattibile” per riportare la vita là dove adesso è assente. Un tourbillon di idee e dibattiti infuocati, rilanci, disegni e magnifiche sorti. Poco progressive, però: chiuse le urne, celebrato il grande rito (sempre meno) collettivo del voto, il San Martino è finito nel gorgo del nulla dove sonnecchia da decenni, immutato. Anzi no, invecchiato e nemmeno benissimo.

Quanto stridevano, ieri, una magnifica domenica di novembre, il marchio dell’uomo – vetri rotti, finestre aperte, ante cadenti, palazzine infestate da rovi e forse da qualche fantasma – e lo splendore di una natura colorata come una ragazzina vanitosa e bellissima.

Quanto cozzavano il grigio pallido, malato, del casermone appisolato e le mille sfumature sfavillanti di alberi, siepi, fiumi di foglie gialle come l’oro tutte attorno al grande vecchio.

Lampi, poco più. Viene buio presto, la sera, d’autunno. E presto la tavolozza che si sforza di truccare quel faccione cementizio, si spegnerà per cause naturali.

Rifiorirà di un verde brillante verso marzo e come sempre sarà bellissimo. Non lo vedrà nessuno, naturalmente. Un anno in più, e rischierà di apparire quasi ridicola questa vecchia collina rugosa e mal tenuta, con tutto quel trucco in faccia. Che grande rimpianto, il San Martino.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA
TAG ARTICOLO:

7 Commenti

  1. Ogni volta che salgo al S. Martino sento 2 sentimenti : amore e tristezza. Ci sono persone che abitano lì, ci sono laboratori , c’è un giornale che esce senza una scadenza fissa ,ma diventa sempre più bello e apprezzato.Tutto però avviene in uno spazio circoscritto. Il resto è dimenticato. Le piante mi parlano ogni volta che le guardo,forse chiedono aiuto . I lunghi corridoi scalcinati e cadenti hanno anche loro una voce, viene da lontano come l’eco delle parole di coloro che li hanno abitati. Spesso mi fa paura la deriva di questo mondo, come si riuscirà a fermarla ?

  2. Un luogo straordinario che meriterebbe di essere conservato, e adibito a molti usi che lo riporterebbero in vita come merita, perché sprecare tanta bellezza per poi costruire cose insulse…

  3. Povera Como! Ex Ospedale psichiatrico, ex Ticosa, ex S. Anna, ex Caserma…. Ex sindaci…. Tutto in malora senza un progetto x aree decisive per lo sviluppo della città!
    Siamo in mano a degli incompetenti che fanno solo per interessi di bottega!

  4. Non era solo un ospedale per i malati, per gli abbandonati, con medici ed infermieri,era un vero paese: la cucina, le suore, la farmacia, i fuochisti, i falegnami, gli elettricisti, i tappezzieri, i portieri, i giardinieri,il direttore e l’Economo il mio carissimo papà che per parecchi anni ha contribuito allo splendore del San Martino!

  5. Privare la cittadinanza di un simile meraviglioso spazio, non sapere cosa farne e non volerne fare niente è una mostruosità indecente che accomuna tutte le amministrazioni di basso livello e prive della benché minima visione, che questa città ha espresso nel corso dei decenni.
    Un ulteriore scempio di una città immobile e piena di fantasmi e ruderi.
    Una città, purtroppo, morta

  6. Che grande rimpianto il San Martino…. il Central Park di Como dimenticato… anni fa qualcuno ci fece anche un laboratorio per la musica e spazi per la disabilità. .. chissà che fine hanno fatto… solo tristezza .

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo