Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Punti di vista

Una mamma: “Dopo un anno di Dad, una nota per 3 minuti di ritardo. E’ questa la scuola che vogliamo?”

Una nota per un ritardo di tre minuti sull’inizio delle lezioni in Dad, la rabbia di una mamma e l’occasione per una riflessione più profonda sulla didattica a distanza e su come – sembra scontato dirlo ma chi ha figli a casa da scuola sa che non lo è – lo schermo di un pc non è un’aula scolastica e occorra farsi qualche domanda su come andare avanti. Questo il senso di una mail che è arrivata poco fa alla nostra redazione da parte di una mamma che preferisce rimanere anonima.

“Oggi mia figlia ha fatto come al solito sei ore di dad dalle 8.15 alle 15.15 – ci scrive – di solito, nonostante la fatica, si presenta un quarto d’ora prima dell’inizio ma stamattina, per la prima volta in un anno, la connessione faceva le bizze. Mi sembrava comunque entrata in tempo ma oggi ricevo un messaggio che la dice lunga sulla scuola italiana, sulla percezione della fatica degli studenti e delle loro famiglie”.

Il messaggio era, appunto, la nota fatta dall’insegnante che indicava la studentessa come “Assente dalle 08:15 alle 08:18”. Tre minuti.

Contattata per farci raccontare la vicenda e per verificare il racconto, questa mamma stanca ma molto battagliera ha chiarito un concetto importantissimo che tocca sul vivo l’organizzazione della didattica a distanza: il vero scandalo non è una nota del genere ma il concetto di scuola che oggi, a un anno dall’inizio delle lezioni a singhiozzo, non può più permettersi di concepire la didattica a distanza come uno strumento di emergenza e si salvi chi può.

“Una nota del genere fa ridere a fronte di una situazione complessivamente disfunzionale – ha commentato – ancora dopo un anno, la maggior parte degli insegnanti non si rende conto che la didattica a distanza non può essere pura teledidattica ma ha logiche diverse e, soprattutto, deve essere inclusiva”.

No alla lezioni online intese come copia esatta di quelle in presenza ma, soprattutto, più attenzione alle difficoltà di studenti e famiglie messi a dura prova da questo periodo: “Nessuno si chiede se questo metodo funziona, come stanno i ragazzi e le loro famiglie – ha spiegato – nessuno ha la percezione del disagio e della fatica di tutti ma soprattutto nessuno sembra interessato a organizzarsi per il futuro, visto che volenti o nolenti si andrà avanti a singhiozzo ancora a lungo. I ragazzi dovranno continuare a fare a meno dei laboratori, degli stage, dell’alternanza scuola-lavoro? Come usciranno dalla scuola? Ecco, questo è quello che conta, non tre minuti di ritardo su sei ore di lezione”.

TAG ARTICOLO:

5 Commenti

  1. È una nota, un dato di fatto. Mica succede nulla.

    Poi il discorso sulla DAD ha il suo senso ma non c’entra nulla.

  2. Ci vuole un po’ di elasticità ma spero che l’. Anno di dad non si sintetizzi solo nei 3 minuti di ritardo perché , in generale, c’. È stato veramente un impegno faraonico da parte di quasi tutti i docenti per ricavare il meglio possibile da questa situazione a cui siamo costretti.Personalmente sto mettendoci almeno il 40 per cento del tempo in più a preparare le lezioni e i materiali rispetto a prima della dad.

  3. Questa maestra dovrebbe limitarsi ad insegnare, senza rendere la vita ancora più difficile di quella che è. E il Direttore Scolastico dovrebbe fare una bella ramanzina alla maestra.

  4. Capisco la mamma, allucinante una nota del genere. Bastava chiedere spiegazioni all’alunna il motivo del ritardo..io ho avuto problemi tecnici col PC di mia figlia, la prof ha atteso che ci collegassimo con il cellulare ed è finita lì. Troppo fiscalismo è deleterio, poveri ragazzi/e niente rapporti umani, lezioni davanti ad uno schermo..

  5. Il problema non è solo la dad. Molti insegnanti avevano questi atteggiamenti già prima e ora non potevano che peggiorare. Sono sempre alla rincorsa dei voti e della compilazione del registro elettronico. Non tutti per fortuna ma ci sono troppe mine vaganti e purtroppo nessuno può fare nulla a cominciare dai presidi. Un insegnante in classe è come un dittatore può fare ciò che vuole senza possibilità di replica da parte di alcuno. Ripeto per fortuna non tutti ma molti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab