Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Sanità

Stop interventi chirurgici non urgenti, Gallera: “Non è un lockdown sanitario ma servono posti letto Covid”

“Nessun lockdown sanitario ma una rimodulazione organica e funzionale delle attività sanitarie negli ospedali lombardi. La rapida evoluzione epidemiologica e il conseguente aumento del numero dei ricoveri hanno determinato la necessità di un ampliamento della disponibilità dei posti letto Covid intensivi, per acuti e sub acuti, e delle degenze di sorveglianza”.

Lo dice l’assessore al Welfare della Regione Lombardia Giulio Gallera, commentando la circolare trasmessa oggi dalla Direzione Generale Welfare a tutte le strutture sanitarie della Lombardia, in attuazione del piano ospedaliero anti-Covid approvato dalla Giunta regionale il 16 scorso.

Ne abbiamo appena parlato approfondendo l’aspetto relativo allo stop sancito per gli interventi chirurgici non urgenti in reparto.

Qui:

Lombardia, stop agli interventi chirurgici programmati. Guidotti (Valduce): “Grosso guaio, succede prima del previsto”

OSPEDALI HUB

“Le attività di cura e di degenza per pazienti Covid-19 dei 18 ospedali Hub della Lombardia – spiega l’assessore Gallera – sono state completamente attivate. Pertanto, in queste strutture viene gradualmente ridotta una parte dell’attività programmata ad eccezione di quella legata alle reti oncologiche e ‘tempo-dipendenti’ per la cura delle gravi patologie neurologiche, cardiovascolari e dei grandi traumi”.

OSPEDALI NON HUB

“L’attività di ricovero programmato degli ospedali Non Hub viene sospesa – aggiunge l’assessore – in modo da rendere disponibili posti letto Covid per acuti e subacuti, garantendo sempre la continuità delle prestazioni urgenti e non differibili. Viene consolidato il legame fra centri Hub e non Hub anche attraverso l’attivazione di percorsi di cura e assistenza specifici con equipe multidisciplinari inter-ospedaliere”.

IRCCS MONOSPECIALISTICI

“Gli IRCCS mono specialistici dovranno garantire – sottolinea Gallera – la disponibilità ad accogliere i pazienti loro inviati dagli ospedali Hub e Non hub con caratteristiche cliniche legate alla propria competenza specialistica”.

ATTIVITA’ AMBULATORIALI

La sospensione o la riduzione delle attività non riguardano le attività ambulatoriale”.

“La rete sanitaria lombarda – conclude Gallera – ragiona e opera in ottica di sistema, a beneficio della continuità delle cure e delle prestazioni, in una fase di emergenza e di grande necessità”.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: