Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Como, la pandemia ferma i turisti: crolla la tassa di soggiorno. Il 70% degli incassi da 4 e 3 stelle

Nell’ambito della discussione di una mozione proposta dal consigliere della lista “Rapinese Sindaco”, Fulvio Anzaldo, con cui si chiedeva la sospensione della tassa di soggiorno fino al termine dell’emergenza sanitaria (mozione poi ritirata dallo stesso proponente perché, visti i tempi lunghissimi con cui si è arrivati a discuterla, risultava temporalmente superata e non è stato consentito modificarla) sono emersi alcuni dati indiretti ma pesanti sul crollo del turismo a Como.

A illustrarli, l’assessore al Bilancio Adriano Caldara.

Rispetto agli introiti della tassa di soggiorno per il Comune di Como, Caldara ha sottolineato che “il 2019 aveva portato un milione e 336mila euro, un importo record rispetto al 2018 che era stato di un milione e 55mila euro”. In sintesi, dunque, il 2019 aveva portato nelle casse municipali 281mila euro in più dei dodici mesi precedenti, pari a più 26%.

Poi è arrivato il 2020, con l’esplosione della pandemia da Coronavirus, il lockdown, le restrizoni, le zone rosse. E infatti, benché manchi ancora il mese di dicembre sul totale del 2020, l’incasso della tassa di soggiorno è crollato a 526mila euro, il 60% in meno rispetto al 2019.

“E questo – ha ulteriormente sottolineato Caldara – a fronte di una previsione per il 2020 che avevamo fissato a un milione e 480mila euro”.

Interessanti anche altri dati, ovvero quelli relativi alla provenienza della stragrande maggioranza dell’incasso per il Comune.

“Nel 2019 dagli hotel 4 stelle erano arrivati 643mila euro, circa il 48% del totale. In percentuale, pur sulle cifre assolute nettamente più basse, anche il 2020 vede pesare i 4 stelle per il 47% – ha evidenziato l’assessore – Per quanto riguarda gli hotel a 3 stelle, sia nel 2019 che nel 2020 hanno pesato all’incirca il 22% sul totale degli introiti. Il che significa che queste due tipologie, da sole, producono il 70% delle entrate”.

3 Commenti

  1. Visto l’uso che ne è stato fatto in passato forse è meglio così.
    Un esempio? La eradicazione di un SUBLIME GLICINE IN PIAZZA VOLTA PER METTERCI DELLE PANCHINE, PARDON ARREDO URBANO O MEGLIO ORRENDO URBANO, COSTATE PIÙ DELL’ORO ZECCHINO.
    ETC….

  2. Il 70% delle entrate della tassa di soggiorno da hotel 3/4 stelle.
    E le centinaia di posti letto nei b&b aperti negli ultimi anni ?
    Qualcosa non torna …….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab