Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

“Case gratis per medici e infermieri, adesso in tutta Italia”. Dopo la scintilla di Xavier e Mattia divampa la fiamma della generosità

“Dopo il vostro articolo siamo stati letteralmente stati travolti di chiamate da tutta Italia, i telefoni sono impazziti, tutti volevano aderire”.

Una piccola e meravigliosa idea è stata la scintilla che ha fatto divampare la fiamma della generosità in tutto il Paese.

Ricorderete, qualche giorno fa raccontavamo di Xavier Follini e Mattia Venturati, fondatori di House of Travellers, attiva a Como da cinque anni, impresa che si occupa di case vacanza e servizi connessi cioè hospitality management:

Coronavirus – “Tutti i nostri appartamenti gratis per medici e infermieri”: il grande dono di Xavier e Mattia 

Pochi minuti fa ci ha chiamati Xavier: “In qualche giorno abbiamo ricevuto centinaia di telefonate da ogni regione, aziende come la nostra e privati mettono a disposizione gratuitamente la propria casa vacanze per medici e infermieri. Una cosa pazzesca”.

Così si sono dovuti organizzare. “Non possiamo gestire tutto da Como, il metodo più veloce per mettere in contatto proprietari e strutture sanitarie è stato creare una pagina Facebook dove stiamo inserendo gli annunci”. Eccola (ancora parzialmente in costruzione):

FB: UNA CASA PER LA SANITA’

Intanto l’iniziativa primigenia va benone, nei giorni scorsi abbiamo aiutato Xavier e Mattia a entrare in contatto con Sant’Anna e Valduce: “Ora siamo in relazione con i due ospedali e le case si stanno riempiendo, siamo davvero felici di poter dare una mano e ancora più felici dell’ondata di adesioni”.

E domattina pure un’ospitata in Rai a Storie italiane.

QUI TUTTI I CONTATTI  DI XAVIER E MATTIA
PER CHI FOSSE INTERESSATO E AVESSE NECESSITA’

Intanto arriva un appello anche dalla Uil:

Falanga (Uil) appello a cittadini e albergatori di Como e Lecco: “Offrite alloggio gratuito agli operatori sanitari” 

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

 

 

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: