RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Cinghiali a Garzola
Attualità, Politica

Da Garzola a Civiglio è allarme cinghiali. Cantaluppi (FdI): “Abbatterne di più, allungare la stagione della caccia”

Da tempo raccontiamo come l’emergenza cinghiali sia letteralmente una piaga per tutto il territorio comasco (qui foto, filmati, segnalazioni e denunce).

Sul tema interviene in queste ore il consigliere comunale di Fratelli d’Italia, Lorenzo Cantaluppi con un’ampia riflessione. La pubblichiamo integralmente:

È degli scorsi giorni il comunicato di Coldiretti Como-Lecco e del suo presidente, Fortunato Trezzi, in merito alla problematica cinghiali e al diffondersi della peste suina, nella nostra provincia e nella limitrofa provincia di Lecco. Un tema particolarmente sentito anche nel nostro comune, dove in alcune aree, tra cui i quartieri di Sagnino, Monte Olimpino, Garzola, Civiglio, la zona di Salita Peltrera-Via Prudenziana, si contano numerosi casi di avvistamenti a ridosso delle case e danni alle coltivazioni.

È questa sicuramente una situazione che non può protrarsi ulteriormente e sulla quale sono già attento fin dal gennaio dello scorso anno, quando ho effettuato alcuni sopralluoghi di concerto con la Polizia Provinciale di Como, per valutare la corretta zona di posizionamento delle gabbie.

Ritengo sia giunto il momento che le istituzioni assumano scelte forti: si aumenti il numero dei capi abbattibili annualmente e si allunghi la stagione venatoria, per cercare di porre rimedio ad un problema che non può più essere trascurato. Voglio ringraziare Coldiretti ed il suo Presidente, per aver contribuito a mantenere alta l’attenzione su un tema così delicato. Il problema delle specie invasive e problematiche, non può più attendere” – sottolinea anche l’eurodeputato on. Pietro Fiocchi – “i danni causati sono ingenti e spesso, visto il numero elevato in particolare di “ungulati”, motivo di incidenti stradali anche gravi.

Ora siamo in piena emergenza per quanto riguarda la Psa – Peste Suina Africana, oltre ai danni causati all’agricoltura, si rischia la distruzione dell’allevamento suinicolo considerato l’alto livello infettivo di questa malattia virale. La Lombardia ed altre Regioni limitrofe sono invase dai cinghiali, anche le Province di Lecco e Como debbono scontare la presenza invasiva di questa specie. Mercoledì 25 maggio, in mattinata, su invito del Consigliere Comunale Cantaluppi Lorenzo, che ringrazio, mi recherò a Como per prendere visione e rendermi conto di persona della situazione in essere. Senza giri di parole le soluzioni esistono e si sono proficuamente applicate in altri Stati colpiti dalla PSA, come il Belgio e la Repubblica Ceca, con misure drastiche ma efficaci.

Ci vorranno le Direttive dell’Unione Europea appena emesse per superare i muri di gomma che esistono nel nostro Paese ed io seguirò la puntuale applicazione. Oltre ai recinti, sarà necessaria la riduzione di circa l’80% della specie, non certo con la sterilizzazione, ma con altri mezzi idonei di eradicazione.

I tanto criticati e osteggiati cacciatori, una categoria a cui mi onoro di appartenere, potranno offrire gratuitamente il loro contributo, dimostrando nei fatti che essi sono una risorsa non un problema per il Paese” conclude l’ on. Fiocchi.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

3 Commenti

  1. Eurodeputato Pietro Fiocchi:
    “Molto onorato di appartenere alla categoria dei cacciatori”
    (…nonché di incentivarne l’attività…)

    Ma il motivo, quale sarà? 🤔
    Eccolo:
    – Pietro Fiocchi
    (traggo da Wikipedia)
    “Imprenditore. Ex presidente e membro del consiglio d’amministrazione di Fiocchi of America Inc., la divisione americana, con sede a Ozark, nel Missouri, dell’azienda italiana specializzata nella produzione di cartucce e munizioni di piccolo calibro.”
    …Toh… chi l’avrebbe mai detto…🙄
    .

  2. …e non si è mai trovato una soluzione? Figurarsi le cose complicate… meno male un altro che finisce il mandato.

  3. Come sempre si aspetta il ferito grave o il morto per intervenire. Siamo completamente in balia della follia della politica che dovrebbe agire all’istante e invece sembra fare apposta a lasciar ingigantire e incancrenire i problemi, ripeto ingigantire.
    Come in una sintesi straordinaria anche se sgrammaticata….. Noi tutti speriamo che ce la caviamo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo