Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Dolore al Valduce. Addio a Javier, il primo infermiere comasco morto per il Covid: “Hai lasciato il segno, non conoscerai l’oblio”

E’ morto al San Gerardo di Monza ieri sera dopo tre mesi di terapia intensiva. Il virus ha fatto una nuova vittima. Si tratta di Javier Chunga, 59 anni, infermiere del Valduce da oltre un ventennio, durante il lockdown ha lavorato nei reparti Covid. E’ il primo infermiere comasco a perdere la vita da inizio pandemia.

Dopo un primo periodo di cure nel presidio di via Dante era stato trasferito a Monza. Dopo oltre 90 giorni di respirazione artificiale non ce l’ha fatta

Scrivono dall’Ospedale: “Le persone che lasciano il segno non conoscono l’oblio, tu Javier sei una di queste. Ti sei sempre dedicato con passione, gentilezza e professionalità agli altri. Ti ricordiamo ora insieme a tutti gli altri colleghi che in questo periodo hanno perso la loro vita senza un attimo di esitazione. Abbiamo sentito più volte avvicendarsi i numeri degli operatori sanitari che ci hanno lasciato, oggi per noi fra loro c’è anche il tuo volto che ricorderemo sempre sorridente.

La Uil Fpl del Lario è intervenuta poco fa. “Ci uniamo l cordoglio dei familiari per la grave perdita di Javier. Troppe vite il Covid-19 ha strappato ai nostri Colleghi, rimane la tristezza nel vedere comportamenti così “leggeri” di scarsa attenzione ai contagi. Ribadiamo che ci vuole un’educazione sanitaria della popolazione”.

Un commento

  1. Sono peruviano, arrivato per motivi di studio in Italia, diventato Dottore Magistrale in Antropologia, le mie condoglianze alla famiglia del nostro médico Javier Chunga.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab