Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Dormitorio in via Cadorna, incontro Asst-residenti-Confesercenti: “Sert via a ottobre”. Ma la protesta rimane

Incontro tra i vertici dell’Asst Lariana, proprietaria dell’immobile di via Cadorna teoricamente destinato a dormitorio tramite accordo con il Comune, e una delegazione di residenti di via Cadorna assieme al presidente di Confesercenti, Claudio Casartelli, in rappresentanza dei commercianti della zona. Di fatto, però, nel resoconto manca qualsiasi accenno a un effettivo iter per la destinazione a dormitorio dell’immobile.

“La delegazione ha espresso la propria preoccupazione rispetto all’eventualità che lo stabile di via Cadorna venga destinato a dormitorio cittadino per il possibile degrado della via – si legge nella nota riassuntiva diffusa da Asst a fine incontro – Innanzitutto il direttore generale Fabio Banfi ha assicurato il trasferimento del Sert entro fine ottobre nella nuova sede in via Carso”.

Sulla destinazione a dormitorio dell’immobile di via Cadorna, di fatto Asst ha rimandato all’origine della scelta da parte del Comune, senza dire nulla sulle prospettive future. E’ stato giusto ripercorso quanto accaduto nel pieno dell’emergenza Covid, quando lo stabile venne destinato ad accogliere senza dimora positivi al Coronavirus e dunque costretti a trascorrere un periodo di isolamento in sicurezza.

“Il direttore generale Fabio Banfi – si legge infatti nella nota – ha ricordato di aver fornito la disponibilità all’utilizzo di una parte dello stabile di via Cadorna durante l’emergenza Coronavirus su richiesta dell’amministrazione comunale per l’accoglienza di persone senza fissa dimora che in questo modo potevano essere facilmente monitorate in relazione all’eventuale insorgenza di sintomi o riscontro di positività asintomatica (al momento, peraltro, nello stabile non vi è alcun ospite)”.

“È stato importante ascoltare le istanze della delegazione –  ha commentato il direttore generale dell’Asst Lariana – e da parte nostra assicuriamo la massima disponibilità a ricercare congiuntamente con il Comune e la cittadinanza le più adeguate soluzioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab