Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Fondi per la Canturina-bis, Fridays all’attacco: “Falso ambientalismo Pd. Basiti da Orsenigo che parla di rispetto del territorio”

Qualche giorno fa davamo conto del “Piano Marshall” da 190 milioni di euro per la provincia di Como passato in Consiglio Regionale:

190 milioni per Como: se Fermi-Turba-Spelzini mantengono le promesse, chiamatelo trio meraviglia 

Nell’ambito di numerissimi interventi il piano prevede anche: interramento della Strada Provinciale 32 “Novedratese” nel Comune di Arosio con uno stanziamento di 12 milioni e 400mila euro di cui 5.400.000 nel 2021 e 7.000.000 nel 2022; quadruplicamento del tratto della Strada Provinciale 32 “Novedratese” (II lotto) nel tratto tra i Comuni di Figino Serenza e di Mariano Comense, con uno stanziamento 7 milioni e 300mila euro di cui 3.000.000 nel 2021 e 4.300.000 nel 2022 e il Nuovo Collegamento Cantù – Mariano Comense con uno stanziamento di 95 milioni di euro nel triennio.

Ebbene, subito dopo il primo articolo, anche sollecitando la pubblicazione del suo Comunicato Stampa, il consigliere regionale Dem comasco, Angelo Orsenigo, si era affrettato a precisare:

Fondi per Novedratese e Canturina-bis, Orsenigo esulta e mette i puntini sulle ‘i’: “Ok del Consiglio regionale ai miei Ordini del Giorno” 

Così oggi replicano con estrema durezza i Fridays For Future comaschi. Accusano il Pd di falso ambientalismo e in particola Orsenigo per aver aver parlato di opere “realizzate nel rispetto del territorio”. Ecco la nota integrale.

In consiglio regionale sono stati approvati gli ordini del giorno dei consiglieri Turba (Lega) e Fermi (Forza Italia) in merito allo sviluppo infrastrutturale del nostro territorio.

Nel cronoprogramma individuato sono previsti (anche) fondi per : il quadruplicamento della SP Novedratese, la realizzazione di un nuovo collegamento stradale Cantú – Mariano e nuove rotatorie stradali.

Ci chiediamo il senso di stanziare nuove risorse economiche in un modello di mobilità che ha mostrato, negli anni, tutta una serie di criticità ambientali.

La mobilità privata su gomma é quella che produce la maggior quantità di gas ad effetto serra, di altri gas inquinanti, di polveri sottili e, più in generale, é quella che utilizza le risorse energetiche in maniera meno efficiente (risorse per l’accaparramento delle quali si conducono guerre, e si inquinano ed espropriano territori). Perché non investire le stesse risorse in una mobilità diversa?

Rimaniamo basiti dalle dichiarazioni di Orsenigo (PD), che citando la Canturina Bis affianca lo sviluppo sostenibile alla realizzazione della strada stessa. Per quanto nel corso dei decenni l’impatto ambientale di queste opere, a parità di portata, si sia abbassato, esse sono pensate per la mobilità privata su gomma e ne rappresentano quindi un incentivo.

Orsenigo afferma che queste opere verranno realizzate nel rispetto del territorio, ma il punto è che esse non dovrebbero essere proprio realizzate.

Ci felicitiamo per questo tipo di attenzioni per il territorio, ma il problema è di ben’altra portata, e come tale richiede delle politiche coraggiose, anziché, come in questo caso, d’ordinaria amministrazione con una verniciata di verde.

Constatiamo con rabbia la sordità della politica nei confronti delle nostre rivendicazioni, nonché il totale disinteresse verso una situazione che necessiterebbe ben’altra urgenza d’azione.

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: