Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

George, Denise, Bryan e gli altri: le voci dei turisti 2.0 a Como, nonostante il virus

L’estate del Covid, quella che rimarrà nella memoria degli italiani e soprattutto dei tantissimi che operano nel settore turistico, si avvia alla conclusione.

Per le strade di Como si trovano ancora turisti stranieri e non, in numero ridotto rispetto alle scorse ottime stagioni ma che hanno comunque deciso di visitare il lago e le sue bellezze. Abbiamo raccolto alcune testimonianze su queste vacanze estive 2020, atipiche un po’ per tutti.

George, Pete e Juden – Nuova Zelanda

Il gruppo di amici ha trascorso tre giorni a Como, con una prenotazione last-minute a luglio. “Le misure in vigore vengono in generale rispettate – spiegano – ci siamo sentiti sicuri. Ci è sembrato strano viaggiare così, anche se la sicurezza viene prima di tutto”.

Viaggerete ancora, con queste nuove misure anti-Covid? “Quando abbiamo prenotato, non avevamo paura – rispondono – Andremo anche in altri Paesi e crediamo che questa sarà la nuova normalità. Pensiamo che l’Italia stia gestendo molto bene la situazione”.

Alessandro e Denise – Germania

La giovane coppia ha trascorso tre giorni a Como, scegliendola come meta rispetto all’Asia dove avevano inizialmente pianificato le ferie. “Non abbiamo paura, stiamo bene e siamo giovani – raccontano – per noi non c’è il pensiero costante del virus, ma sappiamo che per molte persone non è così”.

Sul rispetto delle norme, aggiungono: “Purtroppo in molti casi abbiamo notato troppe persone vicine, in tanti posti non è facile mantenere la distanza. E’ più difficile viaggiare in queste condizioni”.

Andrea, Bryan e la piccola Delilah – Paesi Bassi

La coppia ha viaggiato già in altri Paesi, insieme alla figlia, e ha soggiornato a Como in visita ad alcuni amici. “Qui ci sentiamo sicuri, anche per la bambina, e molte persone indossano la mascherina all’esterno” spiegano.

E aggiungono: “Forse in Italia, a causa del lungo lockdown, si ha più paura del virus e quindi si è più attenti. Anche noi indossiamo la mascherina se ci sono strade strette con molta gente”.

Andy, Carmen, Richard e Karen – Germania

Le due coppie staranno per sei giorni sul lago e si sentono molto sicure.

“Le restrizioni non sono un problema per noi, nel nostro paese è lo stesso – dicono – Dovevamo andare in Francia ma ci sembrava troppo rischioso, quindi abbiamo deciso di venire qui. Ci sentiamo sicuri a viaggiare a Como e in Italia”.

Hazel e Phillip – Regno Unito

Madre (di quasi 90 anni) e figlio, hanno soggiornato per tre giorni a Como. “Nel fine settimana il centro era molto affollato – racconta lui – con mia mamma a rischio, mi sono sentito un po’ a disagio. Penso che il problema sia più nel weekend, ci vorrebbero due corsie per far camminare le persone in linea e separate”.

E aggiunge: “La sicurezza è una responsabilità individuale. Tutti dobbiamo fare il nostro ma sappiamo che c’è comunque il rischio”.

Oltre agli stranieri, però, anche molti italiani sono in visita sul lago in questo periodo.

Francesco e Marianna – Palermo

In visita alla figlia per una settimana, la coppia si sente sicura qui a Como.

“Siamo consapevoli del fatto di dover convivere col virus – dicono – Siamo venuti in auto per evitare ogni tipo di mezzo pubblico. Qui si rispettano maggiormente le restrizioni, rispetto al Sud. Per il momento non viaggeremo in altre parti d’Italia se non per lavoro, non casca il mondo se non andiamo in vacanza per un anno. La salute viene prima”.

Giulia e Stefano – Empoli

La giovane coppia ha scelto di viaggiare esclusivamente in Italia, per una maggiore sicurezza. “Siccome venivamo in città, eravamo preoccupati anche per via del maltempo – affermano – soprattutto nel caso in cui si dovesse stare al chiuso. Nei ristoranti si cerca di rispettare le distanze ma preferiamo stare all’aria aperta, indossando la mascherina”.

E concludono: “Abbiamo scelto di stare in appartamento, rispetto all’hotel, sempre per una questione di sicurezza”.

L’ARTICOLO CHE HAI APPENA LETTO E’ USCITO SU COMOZERO SETTIMANALE: ECCO DOVE PUOI TROVARLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: