Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Hub vaccini, Butti torna all’attacco di Villa Erba: “Ecco il preventivo di Lariofiere, 5 volte inferiore”

Due giorni fa era stato il direttore di Villa Erba, Piero Bonasegale, a motivare la cifra di oltre 400mila euro (a cui va sommato un euro a macchina all’ora per il parcheggio) messa nero su bianco nel preventivo per ospitare a al polo cernobbiese – dal 15 febbraio al 15 maggio – l’hub vaccinale anti Covid.

Villa Erba possibile hub vaccinale per Como. Bonasegale: “Nessun guadagno sul preventivo, copriamo solo i costi”

Tesi ribadita ancora oggi, in un’intervista a la Provincia dal presidente di Villa Erba, Filippo Arcioni, il quale ha ribadito che la cifra servirebbe unicamente a coprire i costi di personale (7-8 persone ogni giorno dalle 6 alle 24), stand, riscaldamento e così via.

Spiegazioni che non bastano al deputato di Fratelli d’Italia, Alessio Butti, il primo a rivelare le cifre in questione e a bollare il preventivo come “immorale”.

Villa Erba hub per i vaccini Covid, ira di Alessio Butti: “Preventivo di 430mila euro più il parcheggio, immorale”

Oggi Butti torna pesantemente all’attacco, sebbene la posizione espressa da Arcioni sia del tutto identica in tutto e per tutto a quella già dichiarata da Bonasegale. Il punto è che il parlamentare rivela la differenza notevole tra il preventivo di Villa Erba e quello di Lariofiere, altro polo destinato a fare da hub vaccinale.

Cernobbio polo espositivo di Villa Erba Ph© Carlo Pozzoni FotoEditore

 

“Secondo il presidente di Villa Erba SpA, persona solitamente prudente, sarei stato “precipitoso” nel definire immorale la loro richiesta di 430mila euro di affitto per tre mesi, più 1 euro all’ora per il parcheggio (4.000 vaccinazioni al giorno, fate voi quattro conti perché io sono precipitoso) – sbotta nuovamente il deputato di FdI – Dato che sono precipitoso, ma molto ben informato, ho recuperato l’offerta dell’altro centro espositivo Lariofiere Erba che alle stesse condizioni, cioè garantendo gli stessi servizi in quell’arco di tempo, chiede 100mila euro e concede parcheggio libero”.

Una somma – ribadisce sempre Butti – “complessivamente (sosta compresa) 5 volte inferiore all’offerta di Villa Erba”.

“Le autorità sanitarie valutino la disponibilità di altre strutture e non dimentichino che quello impiegato, per coprire solo i costi di Villa Erba, è denaro pubblico e che la vista lago per vaccinarsi non è necessaria”, conclude il deputato.

3 Commenti

  1. E così, a forza di continui cambi di statuti e patti, Villa Erba ragiona e si comporta come un’impresa totalmente privata. Si ricordi che pubblica è la proprietà, pubblici sono quasi tutti i soldi con cui è stata costruita, pubbivi sono in buona parte i soldi per le ricapitalizzazioni. A proposito, che fine hanno fatto le giornate a disposizione gratuita dei proprietari?

  2. Purtroppo, il confronto dei costi tra Lariofiere e Villa Erba è interessante ma non serve a molto. Lariofiere è a Erba e Villa Erba è a attaccata a Como. Non credo che si voglia organizzare viaggi in comitiva in Brianza per le vaccinazioni dei cittadini comaschi. Quindi il problema è trovare un’alternativa possibilmente in convalle, possibilmente accessibile ai più, possibilmente con un parcheggio gratuito, possibilmente a costi limitati. Mi chiedo per quale motivo non si voglia prendere in considerazioni soluzioni in spazi pubblici e non utilizzati e si debba cercare nel “privato”. A volte le soluzioni sono molto più semplici delle polemiche. Se poi non servono a molto… ?

  3. e poi quelli di Villa Erba concedono villa, parco e compendio gratis per fare pseudo festival del cinema & C.
    e’ ora che si sveglino e pensino ai cittadini, bravo BUTTI!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo