Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Il Broletto e la passerella ‘anti disagiati’, Como Accoglie: “Come sporco da lavare via. Forse è un modo per pulirsi la coscienza”

Le polemiche sul progetto dell’amministrazione comunale di realizzare una passerella “anti disagiati” sotto il portico del Broletto non accennano a diminuire (qui tutti gli approfondimenti).

Dopo le reazioni di alcuni architetti (in primis Paolo Brambilla, che aveva espresso le sue perplessità, per usare un eufemismo, già al momento della prima presentazione dell’idea seguito, pochi giorni fa, da Lorenza Ceruti) e dell’opposizione con il j’accuse di Patrizia Lissi (Pd), ora è il turno di Como Accoglie.

Abbiamo infatti invitato l’organizzazione cittadina, da anni attiva nell’accoglienza di senzatetto e migranti, a esprimersi su questa scelta “di decoro” e, dopo un momento di riflessione, le parole espresse per voce del referente Claudio Fontana sono non solo un’accusa, ma un invito a riflettere sugli strumenti che una società può scegliere di mettere in atto per affrontare il tema di chi vive in condizioni di disagio: “Che per giustificare scelte architettoniche e urbanistiche, senza entrare nel merito, si debba ricorrere al disagio e poi associarlo al malcostume e, infine, allo sporco la dice lunga sulla sensibilità nei confronti delle forme di disagio che in questo momento difficile diventano più acute per molti – dice il referente – si può comprendere che maggiore è il bisogno di aiuto e solidarietà, oppure allontanare da sé il malcostume delle povertà, una colpa che disturba, come qualcosa di sporco da lavare via. Forse è un modo per lavarsi la coscienza”.

TAG ARTICOLO:

3 Commenti

  1. Si vuole costruire una brutta “passerella” raccatta sporco( vedi quella sotto l’infopoint) per togliere una parte del Broletto che è molto carina da vedere. Allora facciamo come anni fa al Caio Plinio e mettiamo una cancellata e chiudiamo definitivamente i portici e non solo questi! Che diamine, non è la struttura che va modificata, va curato il disagio delle persone al fine che lì non sia la loro casa ma ci sia per loro una degna accoglienza. E poi, sotto il Broletto, non ci stanno solo persone “disagiate” . Ci sono persone che in una calda estate trovano ristoro, persone che cercano una panchina, praticamente inesistenti in città ed anche persone che sostano nell’attesa della funzione e tante altre che si fermano un momento . I soldi occorrenti per modificare la struttura possono essere destinate a opere più meritevoli a favore di chi ha bisogno e non sperperati per la solita, inutile, sicuramente costosissima, idea dell’ultimo momento. E poi cosa risolve? Chi dorme per terra, continuerà a farlo…

  2. Ma basta con sta roba ridicola…finite di fare danni! Veramente per amore della città…giunta…dimettiti in blocco!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo