Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità, Cultura e Spettacolo

Sorpresa, il museo dei Plinii si farà al Liceo Volta. Spazio virtuale e interattivo: ecco il progetto

Adesso è ufficiale, nascerà a Como, negli spazi attigui alla chiesetta di Santa Cecilia sotto il porticato del liceo classico Alessandro Volta il primo museo virtuale della città dedicato ai Plinii a Paolo Giovio e Alessandro Volta. Il nome scelto è Vis Comensis, dove Vis (acronimo di “Virtuale Interattivo Storico”) rimanda al termine latino “forza”, “energia”.

In passato si pensava di realizzare questo spazio espositivo nella Torre Pantera ma il non chiarissimo destino della struttura ha portato al cambio di location. Nel frattempo il progetto esecutivo è stato approvato dalla Provincia di Como e a gennaio andrà in appalto.

Entro l’estate finiranno i lavori edili per sistemare gli spazi, ora occupati da due aule del liceo Volta, e poi scatterà “l’allestimento vero e proprio del museo virtuale che si conta di aprire entro la fine dell’anno”, spiega l’architetto Stefano Seneca che ha curato il progetto di questo spazio dove si restituirà splendore ai padri fondatori di Como. “Sarà un museo composto da tre sale. Il progetto prevede una quinta e un guscio con dei pannelli alti 4 metri dove verranno proiettati i contenuti multimediali”, spiega l’architetto Seneca.

“Essendo la scuola sotto la competenza di Villa Saporiti andranno fatti diversi lavori edili (costo sui 150mila euro per le opere di sistemazione), per riportare allo stato originario questi locali dove, per esigenze legate all’insegnamento si è intervenuto nel corso degli anni. In accordo con al Soprintendenza si lavorerà in tal senso”. Intanto i contenuti che saranno poi proiettati sono in fase di definizione da parte di Massimiliano Mondelli presidente e coordinatore dell’Accademia Pliniana.

Le sale del museo

L’intera operazione rientra nel progetto “MAKE COMO”, su iniziativa e a cura di Accademia Pliniana, promosso da Fondazione A. Volta e Provincia di Como. Il piano è vincitore del bando Emblematiche maggiori di Fondazione Cariplo (un milione di euro).

“Oltre alla bellezza di quanto sarà possibile osservare, va anche detto che poi, spenti i proiettori e quanto ricreerà gli ambienti virtuali, Como avrà nel cuore della città un nuovo spazio espositivo da poter utilizzare”, conclude l’architetto Seneca che ricorda anche come nel “2023 ci saranno le Celebrazioni del Bimillenario Pliniano, i duemila anni dalla nascita di Plinio il Vecchio”.

GALLERY SFOGLIABILE:

 

2 Commenti

  1. Finitela di suonare la grancassa dei progetti, abbiate un pò di riguardo per il povero lettore, giuro che voterò voi, ma non asfissiateci!
    Che soffi la Breva della misura…

  2. Bel progetto nella città sbagliata però…..

    E domanda…ma il museo civico mezzo vuoto decadente e chiuso?????

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo