RADIO COMOZERO

Ascolta la radio
con un click!

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Attualità, Cronaca

Rapine, incendio, furti, ricettazione. Sgominata la banda attiva tra Como e Svizzera

Due arresti e otto indagati per una serie di rapine a mano armata a cavallo tra la provincia di Como e la Svizzera. Sono il risultato dell’operazione “Border” in corso da questa mattina, nelle provincie di Como, Milano e Monza-Brianza.

I militari del Nucleo Investigativo del Comando Provinciale di Como, coadiuvati da quelli del N.O.R. della Compagnia CC di Cantù (CO), con l’ausilio dei Comandi Arma territorialmente competenti, n.3 unità cinofile del Nucleo CC Cinofili di Casatenovo (LC), una squadra delle A.P.I. del Comando Provinciale di Milano e una delle S.O.S. del 1° Rgt. CC “Piemonte”, stanno infatti eseguendo un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale Ordinario di Como, su richiesta della locale Procura, nei confronti di 2 pluripregiudicati, ritenuti responsabili (in concorso con altri 8 soggetti, 4 dei quali già reclusi in Svizzera), a vario titolo, dei reati di “rapina pluriaggravata anche dall’uso delle armi”, “ricettazione aggravata”, “porto illegale di armi comuni da sparo”, “incendio” e “furto in abitazione”.

L’operazione, avviata ad ottobre 2021 a seguito di alcune rapine a mano armata ai danni di distributori di benzina, ubicati appena oltre il confine comasco in territorio svizzero, conclude un’indagine che ha permesso di accertare la presenza di un gruppo criminale italiano situato tra le province di Como, Varese, Monza-Brianza e Milano, dedito a furti e rapine a mano armata tra l’Italia e la Svizzera.

Inoltre di effettuare il 09.12.2021 l’arresto in flagranza ad opera della Polizia del Canton Ticino, su specifiche indicazioni fornite in tempo reale da questo Nucleo, di 4 pluripregiudicati italiani (uno dei quali già ricercato in Canton Ticino per un assalto ad un portavalori nel 2019) che stavano per perpetrare una rapina a mano armata in una banca a Molinazzo di Monteggio (Svizzera). E infine di accertare il loro coinvolgimento in un’ulteriore rapina a mano armata, consumata da ignoti in una ditta di Grandate (CO) il 13 gennaio 2022. L’indagine, oltre a porre fine all’attività di un pericoloso gruppo di criminali, testimonia e rinsalda la proficua collaborazione pluriennale, esistente tra l’Arma dei Carabinieri comasca e la Polizia Cantonale del Canton Ticino.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo