Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Sondaggione paratie. Ironia amara Maarc: “Architetti rassegnatevi, c’era una volta Terragni. Ora saranno i cittadini a risolvere i problemi”

Dopo le anticipazioni, nei giorni scorsi l’ufficialità. Ecco il sondaggione su lungolago, paratie e arredi (quando il cantiere sarà finito). Qui i dettagli:

Paratie e nuovo lungolago di Como: ecco il sondaggio di Fondazione Volta. Tutte le domande

Tra i molti commenti degli ultimi due giorni , diversi pieni di sarcasmo o critiche molto dure, spunta e spicca quello del Maarc, il Museo Virtuale dell’Astrattismo e dell’Architettura Razionalista a Como.

Si inserisce in un dibattito chiaro, l’opportunità di ridurre il confronto su un’opera che sarà definitiva e centrale per la città e il turismo a una serie di domande.

QUI IL SONDAGGIO

Scrivono: “C’era una volta a Como, l’architettura e un architetto, Giuseppe Terragni, che nel Piano Regolatore del 1934 insieme a Piero Bottoni, Pietro Lingeri, Cesare Cattaneo e altri, aveva proposto una passeggiata che dall’hangar doveva arrivare a Villa Olmo (realizzata decenni dopo dal sindaco Gelpi). Ora a Como l’architettura non è più di moda e gli architetti si rassegnino, per il nuovo lungolago, che quasi si va a raccordare con la passeggiata Gelpi, ci sono i sondaggi: saranno i cittadini a risolvere i problemi. Peccato che sarebbero problemi di progetto e non di arredo. Provate a partecipare e diteci cosa ne pensate”.

QUI IL SONDAGGIO

Un commento

  1. Sondaggio oltremodo ridicolo: utilità scarsa (per non dire nulla) e segno di una situazione dove non si sa che pesci pigliare.

    Se manca la voglia di prendersi la responsabilità di decidere, la strada è molto semplice, basterebbe evitare di candidarsi!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo