Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Pixabay
Attualità

Ticino, da lunedì aprono parrucchieri e centri estetici. Scuola dall’11 maggio (forse) a classi dimezzate

Il Ticino conferma: dal 27 aprile prossimo ripartiranno numerose attività naturalmente con le dovute precauzioni in tema di dispositivi di protezione individuale e organizzazione sul lavoro.

Per le scuole dell’obbligo, invece, deciderà il Governo federale svizzero, da cui poi prenderà i provvedimenti il governo del Cantone. La data per la ripresa delle attività (con metà classe alla volta come scenario più probabile e con restrizioni sulla refezione e orari di ingresso/uscita “spalmati”) resta in teoria quella dell’11 maggio prossimo.

Le decisioni sono state annunciate oggi dal Consiglio di Stato.

Tornando alla raffica di aperture imminente, dal 27 aprile potranno dunque rialzare le serrande negozi di generi alimentari, chioschi, stazioni di servizio (se vendono anche alimenti), negozi di cibo d’asporto, take-away, farmacie e drogherie, uffici e agenzie postali, punti vendita di servizi telecomunicazioni, banche, stazioni di servizio, stazioni ferroviarie, pubblica amministrazione, strutture sociali, funerali nella cerchia familiare, strutture sanitarie, studi medici e strutture di professionisti della salute, centri commerciali del fai da te e del giardinaggio, compresi i fiori che tanto hanno fatto discutere in Italia, strutture che offrono servizi alla persona tra cui parrucchieri, saloni di massaggio, centri estetici, solarium.

Resteranno ancora chiusi, invece, ristoranti, bar, negozi, mercati, discoteche e locali, impianti per il tempo libero, musei, cinema, sale per concerti, teatri, casinò, palestre, piscine, centri benessere.

Sempre a partire dal 27 aprile, cambierà qualcosa anche nel settore industriale. I cantieri potranno prevedere al massimo 15 persone (ora il limite è 10). Via libera anche alle aziende per interventi non rinviabili o di interesse pubblico. Il personale impiegabile potrà passare dal 50% al 60% ma oltre i 10 lavoratori contemporaneamente serviranno autorizzazioni specifiche.

Come detto, prossimi step attesi a partire dal 4 maggio.

CORONAVIRUS: TUTTI GLI AGGIORNAMENTI DA COMO, LOMBARDIA E TICINO

Un commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: