Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Variante Tremezzina, cartelli per le tre strade alternative (Porlezza-Svizzera-Lecco). Due presidi di polizia fissi per il traffico

Nuova riunione per il Tavolo di Coordinamento sulla Tremezzina che oggi ha affrontato il tema della viabilità alternativa per bypassare la chiusura della Regina a Colonno.

“Sulla base della relazione predisposta della Polizia Stradale, tre sono i percorsi individuati sull’asse Tremezzina – Como” fanno sapere dal Tavolo.

  • Passaggio attraverso la SS 340 da Menaggio fino a Porlezza, per poi proseguire sulla SP 13 fino a Centro Valle Intelvi e la SP 14 fino ad Argegno. Sulla SP 14, nel tratto San Fedele Intelvi – Porlezza, vige il divieto di transito agli autocarri con lunghezza superiore ai 12 metri e peso superiore a 24 tonnellate, oltre che ai veicoli sopra i 3,80 metri di altezza.

  • Attraverso la Svizzera, percorrendo la SS 340 da Menaggio fino a Porlezza, per poi proseguire in territorio elvetico lungo a A 2 fino a Lugano.

  • Attraverso la SS 36, passando per Lecco. In questo caso è possibile percorrere la SS 340 in direzione nord fino all’intersezione con la SS 36 nel Comune di Colico o, in alternativa, imbarcare le vetture da Cadenabbia o Menaggio per transitare sull’altra sponda del lago fino a Varenna, per poi proseguire sulla SP 72 o sulla SS 36.

Di fatto quello che tutti già sapevano (per primi i sindaci della Valle Intelvi che da settimane denunciano il rischio di un collasso viabilistico – leggi qui)

Evidenziano ancora dal gruppo di coordinamento: “Proprio in raccordo con questo studio, ANAS sta predisponendo il posizionamento della cartellonistica per avvisare gli automobilisti sia della chiusura a Colonno che delle limitazioni per i mezzi pesanti lungo la Valle d’Intelvi, comprensiva anche del percorso alternativo suggerito e la sua lunghezza in chilometri. In collaborazione con gli enti proprietari, simili avvisi saranno riprodotti, già a partire da una settimana prima dell’avvio del cantiere, su tutta la A9 e su tutta la tratta di competenza di Pedemontana”.

Inoltre: “Al fine di evitare criticità al traffico, la Polizia Stradale ha individuato alcuni punti da presidiare con degli operatori fissi in luoghi idonei per poter effettuare l’inversione di marcia ai veicoli eccedenti i limiti di transito. Si tratta di Laglio, all’altezza dell’intersezione con la SP 71, e di Porlezza, all’altezza dell’intersezione con via Cuccio. La strettoia di Laino, invece, sarà presidiata da degli osservatori del traffico”.

TAG ARTICOLO:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo