Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Via Odescalchi, ciclodisavventura di una lettrice: “Redarguita per aver parcheggiato la bici nella rastrelliera. La piazzetta è tutta dei locali”

Come noto, per andare incontro al periodo di crisi post lockdown, e favorire il distanziamento contro l’epidemia, il Comune di Como ha concesso a bar e ristoranti spazi più ampi per i tavolini all’aperto.

Succede in tutta la città. E succede in via Odescalchi nella piazzetta antistante gli uffici comunali. Da lì arriva il racconto di una lettrice, molto garbata ma altrettanto arrabbiata (segnalazioni a: redazionecomozero@gmail.com). Ovviamente libero spazio a repliche.

Ecco la missiva:

Vi scrivo dopo l’esperienza di ieri mattina ,quando sono stata malamente redarguita per aver colpevolmente lasciato in sosta (due ore) la bicicletta nell’apposita rastrelliera nella piazzetta di via Odescalchi;  quando ho parcheggiato la bici non c’erano tavolini apparecchiati e i locali erano chiusi, ma a quanto pare, la piazzetta è tutta loro.

Sarà pur giusto consentire ai locali di occupare suolo pubblico, ma anche il cittadino ciclista (che  non inquina e mantiene il distanziamento sociale) dovrebbe aver diritto all’accesso alle rastrelliere per poter lasciare la bicicletta negli appositi spazi, senza il rischio di farsela rubare (mi è già capitato, e non sono certo la sola).
Le rastrelliere a Como sono molto poche, non pratiche, sporche e spesso occupate da rottami di biciclette abbandonate.
Verrebbero da fare  altre riflessioni circa l’attenzione alle categorie di bar,ristoranti ed esercenti in genere, contrapposta alla trascuratezza riservata dal Comune alla vivibilità degli spazi per i cittadini residenti , strade, marciapiedi, piazze, spazi verdi ecc..ecc…
Ringraziando per l’attenzione porgo cordiali saluti
TAG ARTICOLO:

4 Commenti

  1. Ma stiamo scherzando? Si fa un favore ai commercianti consentendo loro di occupare un’area alla quale non avrebbero diritto e per la quale, credo, non paghino l’occupazione del suolo pubblico (non in misura maggiore rispetto a prima) e questi si permettono di avere tali comportamenti?

  2. l’errore è degli esercenti e della mancanza di controlli. Dalla parte opposta vi è anche un posteggio riservato ai disabili: Ghezzo, se ci sei batti un colpo…

  3. L’errore è chiaramente del Comune, che avendo affittato lo spazio a terzi deve spostare la rastrelliera in diversa allocazione.

  4. La delibera diceva “nel rispetto del codice della strada e del libero passaggio” .
    Come volevasi dimostrare ….. agli “esercenti della movida” se dai un dito si prendono il braccio , ovvero tutti gli spazi della città gratuitamente.
    E vedremo se questa occupazione sarà davvero temporanea .
    Ne dubito fortemente , questi saranno capaci di chiedere l’usucapione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab