Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Attualità

Villa Olmo bengodi dei forestieri: Ostello ai milanesi, Ristorante Spiaggia ai lecchesi

Ufficializzato il cambio di gestione per il ristorante “La Spiaggia” di Villa Olmo, verso via per Cernobbio. Dopo le traversie giudiziarie che hanno portato all’esclusione della precedente società che si era aggiudicata la concessione – la Houdini Srl – al timone del locale arriva una conduzione made in Lecco.

La Houdini è stata infatti pronunciata decaduta dall’amministrazione il 15 ottobre scorso e così la scelta è caduta sul secondo soggetto che aveva precedentemente partecipato alla gara.

Si tratta della Società Amis s.r.l. con sede legale a Lecco, Corso Emanuele Filiberto n. 74, seconda classificata, con un’offerta economica di 107.000 euro.

Amis fornisce servizi di ristorazione su navi della Navigazione Lago di Como, è attiva nella ristorazione scolastica e per uffici e gestisce il Ristorante Imbarcadero sempre a Lecco.

A titolo di cronaca, si tratta della seconda attività del comparto di Villa Olmo che passa in mani forestiere: come noto, infatti, anche l’Ostello della Gioventù, dopo un’altra gara comunale, è andato alla società New Generation Hostel di Milano, con un’offerta di 31.200 euro annui (qui i dettagli).

Unico bastione della “resistenza comasca”, per così dire, è il Lido di Villa Olmo – sebbene dopo lunghe vincende legali e un precedente affidamento a una società veronese. Il “mare dei comaschi” infatti è ora in gestione del due Locatelli-Porta.

3 Commenti

  1. Oh signur, siamo a “prima i comaschi”?
    L’importante é che le attività riprendano, al servizio di comaschi e dei turisti, che poi le società siano di Lecco, di Milano o di Bratislava francamente mi sembra totalmente insignificante, può essere al massimo di stimolo agli illuminati (spesso solo a parole) imprenditori comacini per investire sul territorio, abbandonando il continuo piagnisteo che li contraddistingue troppo spesso

  2. Credo sia un bene che entrino in campo soggetti fuori dai soliti giochi di palazzo che ben conosciamo. Ci voleva uno scossone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: