Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Cultura e Spettacolo

Derain a Mendrisio, la grande mostra dal 27 settembre al Museo d’arte. Meraviglia: 70 dipinti, 30 opere su carta, 20 sculture, 25 progetti

Mentre a Como il ricordo dell’ultima grande mostra si perde nella notte dei tempi, Mendrisio si prepara ad inaugurare, a fine mese, un’esposizione tutt’altro che banale e acchiappaturisti: “André Derain. Sperimentatore controcorrente” curata da Simone Soldini, Francesco Poli e Barbara Paltenghi Malacrida.

Un gioiellino bello e intelligente che non gioca con il richiamo del grande nome di cui poi, se va bene, si vedrà un dipinto in mezzo a quelli di mille allievi ed emulatori più o meno noti, ma una vera retrospettiva, ricca e per nulla scontata, che insegna, senza la supponenza di volerlo fare, che organizzare eventi importanti si può anche in tempo di Covid, anche senza turisti, anche senza chiamarsi Palazzo Reale.

70 dipinti, 30 opere su carta, 20 sculture, 25 progetti per costumi e scene teatrali, illustrazioni di libri e ceramiche riuniti in una grande mostra dedicata a quello che fu uno dei più grandi maestri del ‘900, sperimentatore e anticipatore di tendenze artistiche rivoluzionarie.

Iniziatore, con l’amico Matisse, del movimento Fauve, André Derain (1880-1954) partecipò poi con Braque e Picasso alle sperimentazioni che diedero vita al Cubismo, salvo poi rompere con lo spirito avanguardistico per diventare uno dei precursori del “ritorno all’ordine” e alla classicità.

Accusato di aver esaurito la sua creatività, abbandonato dagli amici e additato come collaborazionista della propaganda nazista, Derain dovette aspettare la fine del Novecento perché la critica tornasse ad apprezzare il suo intero percorso artistico, e non solo il periodo avanguardista, e questa mostra, oltre a offrirne una panoramica completa, ha il pregio di esplorare anche ambiti meno noti della sua produzione, dalle sculture alle messe in scena di spettacoli e balletti.

Per “incontrarlo” appuntamento al Museo d’arte di Mendrisio.

André Derain. Sperimentatore controcorrente
27 settembre 2020 – 31 gennaio 2021
Museo d’arte di Mendrisio
ma-ve 10-12/14-17
sa-do e festivi 10-18
lunedì chiuso, tranne festivi
info: mendrisio.ch/museo
museo@mendrisio.ch
+41 058 688 33 50

L’ARTICOLO CHE HAI APPENA LETTO E’ USCITO SU COMOZERO SETTIMANALE: ECCO DOVE PUOI TROVARLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: