Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Urne chiuse, le Sardine fanno calare il sipario. Venneri: “Futuro da scoprire, non siamo soli”

Due post Fb. Molto simili.

E, dovere di cronaca, bisogna riconoscere che entrambi, in primis quello comasco, sono stati pubblicati ben prima di quello che pare essere il forte consolidamento del voto (almeno a quest’ora: 01.05) in favore di Stefano Bonaccini (Centrosinistra) in Emilia Romagna.

QUI I RISULTATI ELETTORALI

Le sardine (quelle nazionali, i fondatori: Giulia Trappoloni, Andrea Garreffa, Roberto Morotti e Mattia Santori ) salutano e in qualche modo, non del tutto, chiudono l’esperienza di piazza di questi mesi.

Lo fanno con un post Fb di oltre un’ora fa:

Urne chiuse.
C’è chi dice che siano i gesti folli a cambiare il corso della storia, ma noi preferiamo pensare che siano i gesti ordinari a cambiare il mondo in cui viviamo.

Non siamo nati per stare sul palcoscenico, ci siamo saliti perché era giusto farlo. Ma ora è tempo di tornare a prendere contatto con la realtà e ristabilire le priorità, innanzitutto personali. Se avessimo voluto fare carriera politica l’avremmo già fatto.

E invece, prima di tutto, desideriamo tornare ad essere noi stessi, elettori e cittadini, parenti e amici.

Per questo motivo non ci vedrete in TV o sui giornali. La nostra responsabilità è pari a quella che si è assunta ogni persona che oggi si è infilata il cappotto ed è andata a fare una croce da protagonista.

È tempo di far calare il sipario e lavorare dietro le quinte per preparare un nuovo spettacolo con tutti voi che vorrete continuare a non essere spettatori qualunque. Fino ad oggi siamo stati una bella favola.
Ora chiudiamo il libro e sporchiamoci le mani.
Qualsiasi cosa succeda.

Ci vediamo a Napoli, Scampia.

#6000sardine

Due ore prima, Luca Venneri, portavoce del movimento a Como, ha scritto:

FACCIAMO IL PUNTO: GRAZIE!

Le sardine sono un’esperienza collettiva, inclusiva e mai esclusiva, dove tutti hanno il diritto di partecipare, sentirsi coinvolti e portare il loro contributo.

Abbiamo iniziato questo percorso con un sentimento, un’emozione. Oggi, quella emozione, è diventata qualcosa di più, è diventata consapevolezza. La consapevolezza che non siamo soli. Abbiamo avuto il coraggio di tuffarci in mare aperto, in un mare pieno di squali. Abbiamo avuto il timore che ci mangiassero in un solo istante, ma, guardandoci accanto, ci siamo accorti che il mare era pieno di pesci.

Oggi, in modo o nell’altro si chiude una fase. Non abbiamo elementi ora per dire cosa accadrà, di certo sappiamo di non essere più soli.

15.594 tra commenti e like,

5.006 membri,

61% di donne, 39% uomini,

1801 post (1802 con questo) ,?

35 aderenti al programma “La Bella”.

Per il grande sostegno, per la grande partecipazione, per aver confermato che non siamo più soli, per il fatto che non dobbiamo arrenderci, soprattutto per te, che ci sei! Grazie!

Buona visione.

#6000sardine #incomunesenzaodio #comosislega

Non ci fissiamo sugli orari ma è evidente la scelta condivisa tra tutte le città, precedente il risultato, di chiudere (quantomeno in parte, si parla di “fase”) un percorso indipendentemente dai risultati.

E bisogna riconoscere che, almeno apparentemente, chi ha attribuito ai fondatori nazionali del movimento ambizioni elettorali o di posizionamento politico, per ora, avrebbe sbagliato.

Una lettura un filo più maliziosa poi c’è e non va omessa: il comunicato dei quattro non è molto lontano, sia pur elegantemente, da una rivendicazione del risultato. E “l’immenso grazie” del segretario Dem Zingaretti non casca proprio a casaccio.

Si vedrà. Ma le parole di tutti sono molto chiare.

TAG ARTICOLO:

2 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: