Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

“Loro coi banchieri, noi con i cittadini”. Dal centrodestra la star è lo chef: “Draghi ci affossa”

Come annunciato già con toni molto duri ieri, oggi il centrodestra e il candidato sindaco Giordano Molteni si sono riuniti a pochi metri dall’incontro organizzato da Barbara Minghetti allo Yacht Club per una contromanifestazione.

“I banchieri con Pd e Minghetti strozzano famiglie e imprese”. Attacco choc del centrodestra all’evento di sabato

Il concetto di fondo era prendere le distanze da “i poteri forti” e da “i banchieri che strozzinano imprese e famiglie”, puntando soprattutto a testimoniare la vicinanza con i cittadini e con i piccoli commercianti messi in difficoltà da pandemia, rincari energetici e ricadute del conflitto in Ucraina.

“Nel momento in cui qualcuno invita i banchieri (il riferimento è soprattutto a Corrado Passera e Giuseppe Guzzetti ospiti di Minghetti, ndr) noi siamo qui per testimoniare la nostra vicinanza ai cittadini, ai commercianti e ai piccoli imprenditori che dal governo non hanno ottenuto e non ottengono nessun aiuto concreto”, ha premesso il coordinatore provinciale di Fratelli d’Italia, Stefano Molinari.

“Nessun attacco personale – ha proseguito – da noi solo sostegno alle nostre attività economiche e produttive che piuttosto che essere supportate vedono provvedimenti come l’obbligo del Pos che non serve a nulla per contrastare l’evasione fiscale ma è un costo per commercianti e imprenditori. A Como, grazie a bandi mirati, abbiamo fatto il possibile e come Fratelli d’Italia continuiamo a farlo anche a livello parlamentare, così come ci siamo battuti durante i mesi durissimi della pandemia”.

Presente all’iniziativa anche le delegazioni della Lega, con il vicesindaco uscente Adriano Caldara che è intervenuto a microfono.

A fine manifestazione, anche Forza Italia si è aggregata agli alleati.

Poco prima era intervenuto il candidato sindaco del centrodestra Giordano Molteni.

Momento clou, l’intervento dello chef del ristorante cittadino “Il Diavolo e l’Acqua Santa” Nicola Ostinelli che ha denunciato il mancato sostegno sia del governo Conte sia di quello attuale guidato da Mario Draghi per le attività come la sua, costretta a 11 mesi di chiusura durante la pandemia e rimasta tagliata fuori dagli aiuti di Stato. “Alla fine ci hanno dato dei soldi ma bastavano giusto per comprare le sigarette, una vergogna – ha affermato – Pensavo che con Conte avessimo toccato il fondo, ma Draghi affossa la ristorazione italiana”.

TAG ARTICOLO:

16 Commenti

  1. C’è sempre un aspetto curioso. Il Ristorante del nostro chef, “Il diavolo e l’acqua santa”, non è un Ristorante per cittadini ma per banchieri. Eccellente, ho apprezzato, ma non si può dire che sia a prezzi popolari. Insomma non è Cracco o Canavacciuolo ma neppure l’osteria per camionisti a prezzo fisso dove si mangia bene alla casalinga. Fa parte di quei locali frequentati da ambienti elitisti che hanno sempre caratterizzato la nostra città di provincia e che, in cuor suo (del nostro Chef), si augura che la caratterizzeranno per un bel po’. Quello che invece trovo poco curioso anzi assai noioso, è la tendenza che ha il centrodestra, in particolare Fratelli d’Italia, di cavalcare le lagne della piccola imprenditoria. Quelle che alla fine si tramutano nelle troppe tasse da pagare, nelle fastidiose regole per tracciare i pagamenti, nell’eccessiva burocrazia statale e nell’inutilità dei funzionari pubblici ecc.ecc. Se c’è un partito che nella sua storia ha salvaguardato le prerogative della burocrazia statale, delle spese statali inutili, nelle prerogative del controllo statale sull’economia di mercato e si è sempre mostrato durissimo nei confronti dell’evasione fiscale sono i partiti eredi dei MSI., oggi Fratelli d’Italia. Cosa si è costretti a fare per tornare a governare male…..

    1. Grazie per averci dato gratis altri 4 punti percentuali. Aspettiamo con ansia il tuo prossimo post. Prosit. 🥂

      1. Un mio post non sposta neppure 4voti, si figuri il 4% dei voti. Quello che invece è interessante sapere se Lei ritiene che questa Amministrazione abbia lavorato bene. Sarebbe bello sentirlo dire: per me l’Amministrazione di centrodestra a guida Landriscina e appoggiata da Fratelli d’Italia ha lavorato bene. Se lo pensa perché non dirlo e non spiegare quello che Lei ritiene abbia fatto bene. Sicuramente guadagnerebbe il 4% dei voti e farebbe fare a tanti 4risate…… 😊

  2. Vediamo i partiti pro evasori fiscali che piangono perché non hanno aiuti dallo stato!!! Pagate le tasse…

  3. E’ veramente divertente vedere come ogni volta che esce un’iniziativa di Fratelli d’Italia si attivano i commenti disperati della sinistra. E’ inutile scrivere che i consensi del centrodestra calano, basta vedere i sondaggi. Vi sforzate inutilmente.
    Il trucco di cercare di influenzare l’opinione pubblica dicendo che il centrodestra va male non funziona più e ne avremo la prova il 12 giugno.

  4. Giulio Bucciarelli, tu sei il prototipo di quelli che hanno sempre vissuto coi soldi di papà e intanto giocano a fare quelli di sinistra…..che pena

  5. Ristoratori e baristi: basta con le vostre lagne! Sono 2 anni che avete ristori, i vostri amati tavolini sono ogni dove con spazi gratuiti. Sembra che tutta l’economia dipenda da voi , BASTA !

  6. FdI e il designato Molteni sentono molto il compito di “tenere botta” alla temuta, e forse realistica, erosione dei consensi.
    Per cui si deve parlare di tutto e di altro, fuorché delle responsabilità amministrative che i vari partiti del centrodestra hanno condiviso con la fallimentare giunta Landriscina.
    Loro non c’erano, loro facevano altre cose, mentre il loro Sindaco sbagliava da solo: insomma è colpa di Landriscina!

    È fatale per FI essersi fatta sfuggire, non avendo avuto neanche il coraggio di proporla come sindaco, l’Anna Veronelli, e adesso, quali altre figure di calibro gli sono rimaste da proporre?

    Anche per la Lega il vento sembra spirare contro. la Lega delle magliette rosse impiega le sue energie in propagande fantaideologiche per menti confuse, ma poi, quando si fa sul serio, ingorda subito va e cede dove annusa il profumato denaro (vedi vendita del controllo azionario dell’inceneritore ad A2A…): insomna da sempre i leghisti non superano, nelle scelte politiche e nell’organizzazione del partito, il livello della bisca da osteria, con tutte le conseguenze giudiziarie!

    All’avvievolirsi di FI, ed ai segni precoci di tramonto dei leghisti fa da contraltare l’attivismo ed il protagonismo muscolare di FdI:
    verrà tra poco la Meloni, e forse dei due odierni fratellini, tempo fa per statura fratelloni, farà un gran boccone! Chissá…

  7. Spero che il 12 giugno il centrodestra abbia una sonora lezione, spero che il 12 giugno quelli che hanno amministrato Como in questi 5 anni abbiano la dignità di abbandonare il proscenio della politica per sempre.
    Il fatto che loro, i berlusconiani della prima ora, abbiano scoperto quanto sono brutti i poteri forti e si ergano a paladini a tutela di noi poveri comuni mortali mi disgusta.
    Che dire?
    Hasta Siempre Kompagno Molteni (con tutto il rispetto per la Rivoluzione Cubana)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo