Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

La guerra di Ivan (e della Lega) con appello a Landriscina: “Mozziconi zero a Como”

Un’iniziativa green dal partito che per anni ha fatto del Verde il colore simbolo assoluto.

Nei giorni in cui Striscia la Notizia ha avviato una campagna perché tutti i sindaci italiani dichiarino guerra ai mozziconi di sigaretta buttati in strada, ecco che la Lega di Como (in testa il consigliere Ivan Noseda con tutto il gruppo) ha presentato una mozione-appello al sindaco Landriscina perché vengano attuati tutti i dispositivi previsti dalla Legge Green Economy. Ecco il testo:

PREMESSO che è in corso una campagna mediatica lanciata dal noto programma televisivo “Striscia la Notizia” con la quale l’inviato propone ai sindaci d’Italia di firmare un patto per contrastare la dispersione dei mozziconi di sigaretta applicando la legge del 28 dicembre 2015 n. 221 che li riconosce ufficialmente come rifiuti.

CONSIDERATO che i mozziconi di sigaretta sono uno degli oggetti più inquinanti prodotti dall’essere umano

CONSIDERATO che con la legge 221/2015 denominata Green Economy il mozzicone di sigaretta viene identificato come rifiuto ed esplicita l’obbligo per i comuni di provvedere ad attuare specifiche campagne informative e posizionare nelle strade, parchi ecc. appositi raccoglitori per la raccolta di mozziconi

CONSIDERATO che tale legge prevede sanzioni pecuniarie fino a 300 euro per chi abbandona tali rifiuti sul suolo, acque o scarichi

CONSIDERATO che esistono nazioni che applicano sanzioni pesantissime contro coloro che gettono tali rifiuti per terra (es. Portogallo)

CONSIDERATA inoltre la forte vocazione turistica della città di Como

SOTTOLINEATA l’importanza di questa azione quale leva per l’educazione civica di tutti i cittadini

EVIDENZIANDO che anche piccole azioni di buonsenso per il rispetto dell’ambiente e delle persone possono essere determinanti per una convivenza civile Il gruppo consigliare della Lega Nord INVITA il Sindaco e La giunta ad aderire all’iniziativa in premessa e quindi a pubblicizzare la norma vigente e ad applicarla, sensibilizzando la cittadinanza e i turisti al fine di incentivare comportamenti sempre più corretti nei confronti del territorio e della civile convivenza

TAG ARTICOLO:

3 Commenti

  1. Legge dura, ma se ci sono dei fumatori del piffero che anche in spiaggia buttano il maledetto mozzicone, è una vera curiosità capire chi ha mai sanzionato. Per chi lo getta dall’auto esiste l’articolo 15 del codice della strada, a Como fu sanzionato un mio vicino di casa, fumatore incallito..

  2. Fa un po tristezza vedere che l’invito viene da una campagna mediatica, tanto più se tra i “considerata” si dimenticano del recentissimo regolamento di polizia urbana, approvato proprio da loro e che all’articolo 12 riporta lo stesso divieto. Da non fumatore però non posso che essere d’accordo ed aspetto quindi più cestini, piu informazione, più sanzioni. Visto che è in loro potere nel prossimo bando per la raccolta di rifiuti potrebbero distribuire agli utenti fumatori, dei raccogli-mozziconi tascabili. Inoltre potrebbe essere esteso il divieto di fumo anche alle fermate dei bus ed in altri posti affollati. Vedremo…

  3. La legge è molto esplicita e severa e per chi getta il mozzicone acceso è anche previsto l’arresto; sarebbe interessante sapere quante sanzioni siano state elevate dalla sua entrata in vigore quattro anni fa. Leggendo la mozione è lecito comunque dedurre che tutti i firmatari fumatori, da allora abbiano prontamente provveduto a fornirsi di portacenere tascabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti: