Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Politica

Ticosa, cambia tutto: si punta sui privati per maxi autosilo da 1.000 posti e bonifica. E il Municipio non si sposta

Spunta un futuro decisamente diverso da quello ipotizzato finora per l’area Ticosa, dopo il vertice sindaco-assessori-maggioranza andato in scena ieri sera per il patto di fine mandato

Ciò che avevamo brevemente accennato nella cronaca di 24 ore fa, infatti, sembra avere una veste decisamente più definita anche se tutta da sgrossare.

In buona sostanza, dando ormai per assolutamente archiviato il progetto di trasferire il Municipio nell’area dell’ex tintostamperia, l’ipotesi di lavoro maturata a Palazzo Cernezzi è diversa.

Futuro Ticosa: Municipio, Santarella culturale, 1000 parcheggi. Hotel e negozi a Palazzo Cernezzi

Sindaco e maggioranza stanno concretamente prendendo in esame la possibilità di non imbarcarsi nuovamente in un lungo, difficoltoso e costoso iter per la realizzazione in proprio della bonifica dell’area Ticosa (come minimo 4 milioni da investire).

Dunque, ecco l’alternativa almeno in fase embrionale: affidarsi ai privati, o comunque a un soggetto terzo, tramite una manifestazione di interesse e poi eventualmente un project financing. Per fare che cosa? Per realizzare un maxiautosilo in gran parte o totalmente interrato da 800-1.000 posti auto (con area verde organizzata soprastante) ma a patto che il costruttore si faccia carico anche della bonifica e dei relativi costi.

Due piccioni con una fava, potenzialmente, per l’amministrazione: evitare un altro periglioso bando per la bonifica visto l’esito infausto del primo, puntando unicamente al sodo e cioè sulle opere da realizzare (l’autosilo, appunto, unico vero oggetto del desiderio per quell’area).

Ancora un flop Ticosa: l’azienda della bonifica si è ritirata. Galli: “Non ripartiamo da zero”

Ovviamente, ai privati spetterebbe poi una lunga concessione del maxi parcheggio così da poter rientrare dei costi sia della bonifica, sia della costruzione dell’opera.

Ora la palla passa agli uffici: a loro toccherà produrre uno studio convincente sulla proposta affinché poi i partiti di maggioranza possano valutarne convenienza e fattibilità.

Peraltro, questo netto cambiamento di linea sulla Ticosa metterebbe automaticamente in gioco un’altra area vicina: l’ex Stecav di viale Innocenzo, accanto alla caserma della Polizia locale.

Anche qui, nell’ottica del centrodestra di garantire a cittadini e residenti della zona una enorme boccata d’ossigeno in tema di sosta, sembra possibile che torni in auge la vecchia di idea di realizzare un autosilo al posto dei fabbricati fatiscenti odierni. Nulla di sicuro, né di già progettato: ma una tentazione forte che sfiora più di un partito della coalizione.

TAG ARTICOLO:

8 Commenti

  1. Che mestizia! Come fare di un’opportunità un rischio. Per non dire un fallimento certo per la Comunità

  2. ringraziando il cielo il prossimo anno questa giunta e il suo “sindaco” se ne andranno.
    Dobbiamo solo evitare che definiscano questo aberrante progetto prima della loro dipartita.
    Le auto dei “gitanti” devono fermarsi all’autosilo di Camerlata.

  3. Progetto aberrante per attirare ulteriore traffico in città. Sindaco e giunta a casa il prossimo anno. A mai più rivedersi!!!!

  4. Che idea originale! Un autosilo! È proprio quello che la città desiderava…. Anni di visione in tutto ciò

  5. Nelle giornate uggiose a mia madre veniva la malinconia, perdeva l’illuminazione culinaria e ci propinava pastina in brodo. Allo stesso modo il “buon” Sindaco in depressione e senza ispirazione ci propina il solito parcheggio……il solito brodino. E dire che è bastato che quelli di Officina Como gli facessero vedere un’idea brillante per la Ticosa e Sindaco, Assessore, Dirigente all’Urbanistica, per non essere da meno, si sono buttati nel progetto di trasferirci il Municipio, di costruire abitazioni e di immaginare qualcosa di diverso che non sia una città fatta apposta per i turisti della domenica. Siamo tornati al brodino? Eh si, anche Sindaco e Giunta hanno qualcuno da accontentare. Pensare che se fra un anno il “buon” Sindaco potrebbe andare a far altro, da subito potrebbe mandare tutti a quel paese. Chi farebbe il parcheggio? Quel qualcuno senza il “buon” Sindaco? E come?

  6. 3 anni di chiacchiere e fumo negli occhi ed alla fine ecco che salta fuori il vero progetto gradito agli sponsor della maggioranza , l’ennesimo parcheggio per i “gitanti mordi&fuggi” .
    Complimenti al “buon” sindaco & c.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo