Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Turismo

“Orde di gitanti, Como farà la fine di Venezia”. La profezia di Nessi si avvera in laguna: tornelli, tassa e numero chiuso

Il dibattito aveva tenuto banco la scorsa primavera.

A lanciare il tema, il consigliere comunale di Svolta Civica, Vittorio Nessi, con queste testuali parole:

“Rischiamo che Como diventi una piccola Venezia cannibalizzata da un’orda di gitanti domenciali che consumano le risorse comuni senza un ritorno di immagine e di qualità, sottraendo la città ai comaschi e alle loro occupazioni tradizionali sempre più incalzati da un massa difficilmente controllabile di persone interessate a passaggi mordi e fuggi”. Qui sotto l’articolo integrale.

Apocalypse Nessi: “Como cannibalizzata da orde di gitanti domenicali. Niente qualità, abitanti e luoghi snaturati”

Ebbene, almeno in parte – non quella comasca – la “profezia” di Nessi ha trovato un riscontro: a Venezia il prossimo anno scatterà la gestione dei flussi turistici giornalieri, peraltro già sperimentata in alcune occasioni come il Carnevale, ma poi ibernata dagli effetti della pandemia.

Nella città laguanare rriveranno veri e proprio tornelli e varchi elettronici i nei punti di accesso e un’app che consentirà di prenotare e di pagare il contributo di accesso, volgarmente noto come “tassa di sbarco”.

Dal pagamento saranno esentati i residenti, i pendolari e altre categorie.

“Ci saranno dei tornelli come quelli del supermercato – ha già anticipato il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro – e con una app si potrà passare, in base alla disponibilità che si ha. Se uno è un cittadino, avrà sempre la chiave del cancello, se uno è un ospite ce l’avrà per il periodo in cui è ospite. Con il contributo d’accesso possiamo usare la leva finanziaria per dissuadere le persone che non hanno prenotato l’ingresso alla città. Nell’arco di uno, due o tre anni, vedremo come andrà la pandemia, ma Venezia non si fermerà”.

TAG ARTICOLO:

5 Commenti

  1. Basta un’area C e il gioco è fatto tanto la gente si muove solo in macchina…sul lago poi c’è una strada sola, più facile ancora.

  2. quindi la proposta di Nessi? Schieriamo l’ esercito? facciamo il muro TipoBerlino? Mettiamo il divieto di ingresso in provincia ai non residenti? attacchiamo le provincie di Milano e MonzaBrianza e sterminiamo i loro abitanti?

  3. Profezia già dal sottoscritto postata qui mesi prima di questo candidato alle politiche che ha bisogno di visibilità.
    Sarà moooolto peggio di Venezia perché lì c’è un solo accesso tramite il ponte stradale e ferroviario.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Potrebbe interessarti:

Videolab
Turismo